La Terza Pagina di Civiltà del bere

La Terza Pagina, storica newsletter di Civiltà del bere, cambia volto. La “nuova” Terza Pagina sarà dedicata alla cultura del vino e ospiterà opinioni su temi di ampio respiro.

Tutto parte da una domanda che il direttore Alessandro Torcoli rivolge a professionisti di fama internazionale. Lo scopo è quello di animare il dibattito attorno a questioni importanti o curiose, per cui, dopo aver letto che cosa ne pensano gli esperti coinvolti, potete contribuire ad alimentare il dibattito scrivendoci qui. In questa pagina raccoglieremo quesiti e risposte. Nel tempo, diventerà una miniera di idee ed esempi lungo il cammino del vino, dalla viticoltura al business.

Per restare aggiornato iscriviti alla newsletter qui +

Gli effetti del Covid sulla promozione internazionale del vino

Come cambia la promozione internazionale del vino?

Risponde alla domanda Giancarlo Voglino, contitolare di I.E.M., società specializzata nell’organizzazione di eventi enologici nel mondo.

Leggi la risposta +

Il valore dei concorsi enologici in sei commenti

I concorsi enologici sono ancora utili?

Rispondono Luciano Ferraro (caporedattore centrale del Corriere della Sera); Leila Salimbeni (coordinatrice della rivista Spirito di Vino); Alessandra Piubello (curatrice della Guida Veronelli); Vito Intini (presidente Onav); il prof. Vincenzo Gerbi (presidente del comitato scientifico Onav) e Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del bere (che ha redatto questa riflessione).

Leggi le risposte +

Pronti al 2021? Uno, anzi due, sguardi sul futuro

Siamo pronti per il 2021? Stiamo facendo il possibile per attrezzarci, alla luce dell’attuale incertezza?

Rispondono alla domanda Ruenza Santandrea (presidente del Consorzio Vini di Romagna e già coordinatore vino di Alleanza delle Cooperative) e Angelo Gaja (produttore in Barbaresco).

Leggi le risposte +

L’utilità (o meno) della piramide del vino di qualità

La classificazione Docg-Doc-Igt è funzionale alle attese del mercato?

Rispondono alla domanda Riccardo Ricci Curbastro (presidente di Federdoc), Pietro Rocchelli (Agenzia Maurizio Rocchelli, esperti di vendita Horeca e Gdo) ed Emma Dawson MW (Senior buyer Berkmann – Regno Unito).

Leggi le risposte +

Le responsabilità del leader di un territorio vinicolo

Quali sono le responsabilità del leader?

Vi presentiamo un commento inedito di Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del bere, sul tema della leadership nel vino e delle sue ripercussioni sul territorio.

Leggi la risposta +

Il vino naturale da nicchia a fenomeno di massa

La popolarità del vino naturale sta deteriorando l’autenticità dei suoi valori?

Risponde Luciano Ferraro (caporedattore centrale Corriere della Sera e autore della nostra rubrica “Controvento”). L’intervento è anche sul numero 3/2020 di Civiltà del bere, il cui tema monografico è proprio “Naturale”.

Leggi la risposta +

RestaurAction

In questa autarchia forzata è l’ora della RestaurAction

Vi presentiamo in anteprima l’editoriale del direttore Alessandro Torcoli in uscita su Civiltà del bere 3/2020 (luglio-agosto-settembre).

Leggi l’editoriale +

La democratizzazione (rosé) del vino francese

Il successo dei rosé di Provenza apre una nuova strada per il vino d’Oltralpe, di gran lunga più democratica?

Alla domanda risponde il nostro amico americano Mike Veseth – un’autorità internazionale in fatto di global market – che, attraverso la sua seguitissima rubrica The Wine Economist, dà un’interpretazione interessante.

Leggi la risposta +

Vino naturale visto da destra e da sinistra

Il vino naturale: bisogna entusiasmarsi o preoccuparsi?

Alla domanda risponde il giornalista Cesare Pillon, che ne aveva scritto sul numero 2/2020 di Civiltà del bere (leggi qui). Qui vi presentiamo in anteprima il prosieguo delle sue riflessioni, che saranno pubblicate sul numero 3/2020 (luglio-agosto-settembre), il cui tema monografico sarà proprio “Naturale”.

Leggi la risposta +

La degustazione cieca

Quanto conta degustare alla cieca quando si giudica un vino?

Alla domanda risponde Daniele Cernilli (giornalista, direttore di DoctorWine nonché curatore della Guida essenziale ai vini d’Italia by DoctorWine). Il quesito della settimana è stato proposto ai candidati Masters of wine (Esame di teoria, 2017).

Leggi la risposta +

Terroir vs vitigno: chi vince la sfida del climate change?

Il cambiamento climatico pone maggiormente l’accento sul terroir o sulla scelta del vitigno?

Alla domanda risponde Cesare Intrieri (professore emerito di Viticoltura. Dipartimento di Scienze e Tecnologie agro-alimentari dell’Università di Bologna). Il quesito è stato proposto ai candidati Masters of wine (Esame di teoria, paper 5 – contemporary issues, 2019).

Leggi la risposta +

La chiave di successo di un marchio (vinicolo)

Quali sono i fattori che determinano maggiormente il successo a lungo termine di un brand vinicolo?

Alla domanda rispondono Giovanni Geddes da Filicaja, amministratore delegato Frescobaldi, Masseto e Ornellaia; Piero Mastroberardino, produttore e ordinario di Economia e Gestione delle Imprese all’Università di Foggia; Mike Veseth, economista e autore della newsletter The Wine Economist. Il quesito è stato proposto anche ai candidati Masters of wine (Esame di teoria, paper 3 – business, 2014).

Leggi le risposte +

Quali uve salvare (in caso di catastrofe)

Se un terribile flagello globale dovesse distruggere tutti i vitigni conosciuti, e tu avessi la possibilità di salvarne solo due, una a bacca bianca e una nera per il bene dell’umanità, quali sceglieresti di salvare?

Rispondono José Vouillamoz, genetista di fama mondiale; Attilio Scienza, studioso di viticoltura ed enologia e docente alla Statale di Milano; Riccardo Cotarella, presidente degli enologi italiani e docente all’Università della Tuscia. Il quesito è stato proposto anche ai candidati Masters of wine (Esame di teoria, paper 5, 2018).

Leggi le risposte +