Tenuta Sant’Antonio, il gioiello della famiglia Castagnedi

Tenuta Sant’Antonio, il gioiello della famiglia Castagnedi

Tenuta Sant’Antonio è un progetto enologico votato all’eccellenza tra la Valpolicella e Soave, che oggi conta su 150 ettari vitati. Il coraggio di affrontare la pandemia come un’opportunità, investendo molto per intercettare al meglio i nuovi bisogni del mercato. La sostenibilità come stile di vita.

Tenuta Sant’Antonio è prima di tutto una storia di famiglia, quella di Paolo, Tiziano, Armando e Massimo Castagnedi, nati e cresciuti all’ombra dei filari della Valpolicella. Quattro fratelli e il sogno comune di trasformare l’attività paterna in un progetto imprenditoriale di ampio respiro, spingendo i confini dell’innovazione nel segno della sostenibilità ambientale e dell’eccellenza qualitativa per offrire etichette dalla forte identità territoriale, con uno stile iconico che unisce bevibilità moderna e territorio per appagare i gusti del pubblico italiano e internazionale.

Un successo di famiglia

Oggi Tenuta Sant’Antonio è una realtà consolidata con 150 ettari vitati, un team di 50 dipendenti e quattro centri dedicati tra produzione, affinamento, stoccaggio e logistica. Il volume annuo si aggira su 1,8 milioni di bottiglie, suddivise tra i tre brand Tenuta Sant’Antonio, Scaia e Télos, che abbracciano i territori della Valpolicella e del Soave.
Numeri importanti, raggiunti grazie alla passione e all’operosità dei fratelli Castagnedi, oggi affiancati anche dai loro figli. Il segreto del grande successo? Il valore della famiglia e la scelta di non venire mai meno all’artigianalità del saper fare in vigna e in cantina, che ha contraddistinto l’attività fin dagli inizi (il lancio della prima bottiglia risale al 1995).

Saper cogliere le opportunità

«La pandemia ci ha messo alla prova», spiega Armando Castagnedi a nome di tutti i fratelli, «ma vediamo la complessità che stiamo attraversando come un’opportunità. Abbiamo colto il periodo di stop forzato del lockdown come un momento per analizzare gli aspetti aziendali e definire le direttrici per consolidare e indirizzare al meglio la nostra strategia». Da qui la decisione di continuare a investire in modo cospicuo – oltre 1,5 milioni di euro solo nel 2021 per un totale di oltre 3 milioni negli ultimi tre anni – con la consapevolezza che questa è l’unica via per farsi trovare preparati in un mercato sempre in piena evoluzione.

Télos, il vino del futuro

In quest’ottica di sviluppo, un ruolo centrale è rappresentato dalla sostenibilità, uno dei temi chiave aziendali, che coinvolge a 360° l’operatività.
«Per noi è da sempre uno stile di vita. Lavoriamo senza compromessi per garantire una produzione sempre meno impattante per l’ambiente e la comunità dei consumatori», conclude Armando Castagnedi. A testimonianza di ciò, i vigneti sono gestiti in regime di viticoltura integrata (SQNPI) e, già dal 2011, è stato avviato l’avveniristico progetto Télos, il vino del futuro senza solfiti aggiunti, in conversione biologica e anche vegano: un manifesto per il benessere della natura e della persona.

Foto di apertura: Paolo, Tiziano, Armando e Massimo Castagnedi

TENUTA SANT’ANTONIO
via Ceriani 23
Colognola ai Colli (Verona)
045.76.50.383
info@tenutasantantonio.it
www.tenutasantantonio.it
Segui su FacebookInstagramTwitterLinkedin

Realizzato in collaborazione con Tenuta Sant’Antonio

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 2/2022. Acquista

Sei abbonato digitale o premium? Sfoglia la rivista o scarica il pdf

Vuoi abbonarti? Clicca qui

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 28/05/2022

Leggi anche ...

Duca di Salaparuta, rinnamorarsi dell’Etna con Lavico
Storytelling
Duca di Salaparuta, rinnamorarsi dell’Etna con Lavico

Leggi tutto

Fontanafredda, il Rinascimento Verde parte dalla Speranza
Storytelling
Fontanafredda, il Rinascimento Verde parte dalla Speranza

Leggi tutto

Castello di Cigognola: tutte le strade portano al Pinot Nero
Storytelling
Castello di Cigognola: tutte le strade portano al Pinot Nero

Leggi tutto