Stellenbosch dedica un vigneto al padre del Pinotage Perold

Stellenbosch dedica un vigneto al padre del Pinotage Perold

Si chiama Absa Perold Town Vineyard il vigneto piantato tre anni fa in pieno centro a Stellenbosch, nel distretto di Cape Winelands della provincia di Western Cape, in Sudafrica.

Una panoramica dell'Università di Stellenbosch (Sudafrica)

OMAGGIO AL PADRE DEL PINOTAGE – L’obiettivo primario è quello di celebrare il patrimonio enologico del territorio: Stellenbosch è la principale zona vinicola del Paese, e Abraham Izak Perold, padre del Pinotage, insegnava Enologia all’Università della città. Il Pinotage è il più famoso vitigno sudafricano; nel 1925 Perold, incrociando Pinot nero e Hermitage, diede vita a questa nuova varietà d’uva, e oggi la città di Stellenbosch ricorda il famoso viticoltore dedicando interamente il vigneto “cittadino” al Pinotage, unica varietà coltivata.

UNA VENDEMMIA PARTECIPATA – Il vigneto  si estende per 2.500 metri quadrati e comprende 800 piante di Pinotage. A coltivare e condurre l’Absa Perold Town Wineyard sono la SA Pinotage Association, diretta da Beyers Truter, e la facoltà di Viticoltura ed Enologia dell’Università di Stellenbosch, ma più della metà delle viti sono state “adottate” da singoli appassionati, entusiasti dell’iniziativa. E così questo febbraio cittadini e universitari hanno preso parte alla prima vendemmia nel cuore di Stellenbosch, in attesa del prossimo Stellenbosch Wine Festival, che salta l’appuntamento di quest’anno ritornare nel 2013 con un nuovo format ancora top secret.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 12/04/2012

Leggi anche ...

Come i cambiamenti climatici potrebbero ridisegnare la geografia del vino
Senza confini
Come i cambiamenti climatici potrebbero ridisegnare la geografia del vino

Leggi tutto

Bordeaux chiede un sistema di “giusta remunerazione”
Senza confini
Bordeaux chiede un sistema di “giusta remunerazione”

Leggi tutto

La fine dei dazi cinesi basterà a rianimare il mercato del vino australiano?
Senza confini
La fine dei dazi cinesi basterà a rianimare il mercato del vino australiano?

Leggi tutto