Dal mondo Dal mondo Jessica Bordoni

Simply Italian Great Wines: la migliore produzione nazionale in trasferta negli States

Simply Italian Great Wines: la migliore produzione nazionale in trasferta negli States

Parola d’ordine: internazionalizzazione del vino italiano. Con quest’obiettivo torna Simply Italian – Great Wines US Tour 2012, l’evento coordinato dall’International Exhibition Management (Iem) di scena dal 15 al 18 ottobre negli States, con tappa a New York City, Chicago e Washington DC.

TRE GIORNI PER OPERATORI LOCALI, STAMPA E WINE LOVERS – Tre giorni di degustazioni, workshop, incontri commerciali e seminari per professionisti, collezionisti e stampa consacrati alla migliore produzione enologica made in Italy, con la speciale collaborazione della rivista Wine Spectator per l’appuntamento newyorkese. Location d’apertura del tour – lunedì 15 ottobre – sarà la maestosa Public Library di New York. Mercoledì 17 sarà la volta di Chicago mentre giovedì 18 gran finale a Washington DC. Il programma comprende  un ciclo di seminari organizzati in collaborazione con l’Istituto Grandi Marchi, con il Consorzio Vino Collio e Carso e con l’U.Vi.Ve (Unione Consorzi Vini Veneti Doc.), a cui si aggiunge un intervento del presidente di Federdoc Riccardo Ricci Curbastro. La manifestazione si concluderà a inizio febbraio 2013: il 5 a Miami e il 7 a Città del Messico. Di seguito, la lista delle Cantine e dei Consorzi che partecipano a Simply Italian Us Tour 2012.

IL COMMENTO DI MARINA NEDIC DI IEM – Come spiega Marina Nedic, managing director di Iem: “Il vino italiano rappresenta una delle eccellenze del nostro Paese ed è riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo per varietà, qualità e caratteristiche organolettiche uniche, legate a una produzione che fa del territorio il suo punto di forza e distinzione. Gli Stati Uniti sono il primo mercato mondiale per il consumo di vini e oggi rappresentano il principale Paese di sbocco per i vini italiani con 948 milioni di euro nel 2011, davanti a Germania e Regno Unito. Ma negli Usa i successi devono essere mantenuti, alimentati e consolidati, anche alla luce di un previsto aumento della domanda interna a fronte di “riserve” di vino che recentemente hanno toccato i minimi degli ultimi 10 anni. Oggi più che mai dobbiamo intensificare gli sforzi e le attività promozionali sul territorio americano per sostenere e rafforzare il prestigio del vino made in Italy, consolidare la nostra presenza sul territorio e conquistare nuove quote di mercato”.

 

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 10/10/2012

Leggi anche ...

Lambrusco: storica unione dei Consorzi
Dal mondo
Lambrusco: storica unione dei Consorzi

Dal 1 gennaio 2021 il Lambrusco avrà un Leggi tutto

Addio a Diego Planeta, il pioniere del vino siciliano
Dal mondo
Addio a Diego Planeta, il pioniere del vino siciliano

La morte di Diego Planeta commentata dal suo Leggi tutto

Il futuro della vite: agricoltura rigenerativa e ritorno al piede franco
Dal mondo
Il futuro della vite: agricoltura rigenerativa e ritorno al piede franco

Le ricerche sul campo indicano nell’agricoltura rigenerativa uno Leggi tutto