Senza confini Senza confini Anita Franzon

Rosautoctono: alla scoperta dei vini rosa storici d’Italia

Rosautoctono: alla scoperta dei vini rosa storici d’Italia

Un movimento nato di recente e chiamato Rosautoctono mira a promuovere i vini rosa storici d’Italia come qualcosa di più di un semplice trend del momento.

Lo racconta su Punch la scrittrice di libri sul vino Katherine Cole. Il rosato non è, infatti, un nuovo stile di vino; in Italia, per esempio, molte regioni da nord a sud vantano una lunga storia di vini rosa. Eppure, si legge nell’articolo: «Gli italiani sono piuttosto ignoranti su questa tipologia di vini».

La mappa dei vini rosa storici d’Italia (Punch)

Non chiamatelo rosato

Per colmare la lacuna nel 2019 è stato fondato l’Istituto del Vino Rosa Autoctono Italiano i cui membri sono regioni vinicole con una lunga storia di produzione rosa orientata alla qualità, come i vini Chiaretto del Lago di Garda, della Valtènesi, il Cerasuolo d’Abruzzo, le Dop Salice Salentino e Castel del Monte in Puglia e il Cirò di Calabria.

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Leggi le altre notizie dal mondo di questa settimana

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 17/09/2020

Leggi anche ...

Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino
Premium
Com’è cambiato (e continua a cambiare) l’atlante del vino

Leggi tutto

Bordeaux en primeur 2021: un’annata eterogenea
Senza confini
Bordeaux en primeur 2021: un’annata eterogenea

Leggi tutto

Rosé Connection: Valtènesi e Provenza insieme per promuovere una cultura europea dei rosati
Senza confini
Rosé Connection: Valtènesi e Provenza insieme per promuovere una cultura europea dei rosati

Leggi tutto