Premium Premium Luigi Pelliccia

Ismea fotografa un’Italia di realtà piccole ma solide

Ismea fotografa un’Italia di realtà piccole ma solide

Secondo una ricerca Ismea, le nostre aziende (di trasformazione) sono di dimensioni ridotte ma stabili dal punto di vista finanziario. Il vino anche, ma ha scarsa redditività. Il ritardo su produttività e sviluppo potrebbe costarci caro, visto il calo dell’export in valore (-3,7%) e quantità (-1,2%).

La filiera alimentare italiana può essere rappresentata considerando ai due estremi 60,7 milioni di consumatori da un lato e 1,1 milioni di aziende agricole dall’altro. Tra questi estremi si collocano le circa 57 mila imprese della prima e seconda trasformazione industriale, le oltre 42 mila imprese della distribuzione moderna e organizzata, le quasi 110 mila del commercio al dettaglio tradizionale e specializzato e le circa 274 mila imprese della ristorazione.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 06/11/2020

Leggi anche ...

Belgian Tripel, potenza e bevibilità
L'altro bere
Belgian Tripel, potenza e bevibilità

Leggi tutto

50 anni di storia del vino: il consumo artigiano tra distrazione e culto
In Italia
50 anni di storia del vino: il consumo artigiano tra distrazione e culto

Leggi tutto

50 anni di storia del vino: dagli studi sul DNA alle applicazioni dell’IA
Premium
50 anni di storia del vino: dagli studi sul DNA alle applicazioni dell’IA

Leggi tutto