Storytelling Storytelling Alessandro Torcoli

Ottimo “Praepositus” di Abbazia di Novacella: affinamenti più lunghi

Ottimo “Praepositus” di Abbazia di Novacella: affinamenti più lunghi

La storica azienda altoatesina ha deciso di posticipare l’uscita di Praepositus, la linea premium che comprende vini bianchi, rossi e dolci, per garantire ai vini affinamenti più lunghi in cantina. I nostri assaggi confermano la validità di questa scelta. Densità e complessità gustativa ne hanno guadagnato.

Nel mondo del vino non si procede per scoperte eclatanti, l’eccellenza è fatta di piccoli passi. E questo ne è un valido esempio. In Alto Adige l’Abbazia di Novacella, una delle Cantine più antiche del mondo, ha deciso di migliorare ulteriormente la linea Praepositus, fiore all’occhiello aziendale. Come? Riservandole una più lunga sosta in cantina e la commercializzazione a partire dal 1° ottobre (e non più dal 1° giugno). Quattro mesi, a volte, fanno la differenza.

L’importanza del fattore tempo

«Non abbiamo mai avuto fretta di lanciare sul mercato i nostri vini, consapevoli del grande potenziale a disposizione e di come il tempo rappresenti un alleato prezioso per raggiungere il miglior equilibrio possibile», spiega Werner Waldboth, direttore vendite di Abbazia di Novacella. Una sosta maggiore sulle fecce fini porterà ancora più densità gustativa e complessità a etichette che già rappresentano un apice qualitativo tra quelle dell’Alto Adige e d’Italia. I vini della linea Praepositus (8 bianchi, 2 rossi e 2 dolci) maturano in acciaio o in botte, a seconda delle varie tipologie, per almeno 12 mesi. Un periodo che sale a 24 mesi nel caso del Riesling e del Grüner Veltliner e arriva fino a 36 mesi per il Pinot nero e il Lagrein nelle versioni Riserva.

L’enologo Celestino Lucin (foto di A. Tauber)

2019, 2018 e 2017, tre vendemmie a confronto

Le annate dei vini della linea Praepositus appena uscite sul mercato e da noi assaggiate sono tre: 2019, 2018 e 2017.
«Tre vendemmie molto diverse: la 2019 è stata tardiva rispetto al solito e complessivamente fredda, come ai vecchi tempi», precisa il direttore vendite Waldboth. «I vini hanno generalmente minor grado alcolico, un’acidità spiccata e un corredo aromatico elegante, preciso, con note delicate».
Completamente opposta la 2018: un’annata calda. «I vini sono più ricchi e densi come struttura complessiva e maggiormente esuberanti nei profumi».
Infine la vendemmia 2017, fresca: «Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un’annata fredda, che comunque non ci ha dato problemi dal punto di vista agronomico in vigna. Sono nati vini dotati di una bella tensione fresca e acida al palato, con note olfattive meno intense rispetto al solito, ma che non deludono per quanto riguarda l’eleganza».

La linea Praepositus

Gli assaggi: i bianchi

Praepositus Müller Thurgau Alto Adige Valle Isarco Doc 2019

Il vino esprime delicati aromi di mela verde, melone e pesca bianchi, agrumi ed erbe montane. Fresco e sapido, con buona persistenza sul finale.

Praepositus Sylvaner Alto Adige Valle Isarco Doc 2019

Spiccano profumi di pera, albicocca, fiori di sambuco. Consistente al palato, fresco con elegante aromaticità e mineralità. Lungo il finale.

Praepositus Grüner Veltliner Alto Adige Valle Isarco Doc 2018

La palette aromatica è fine, ma con diverse suggestioni: mela cotogna, miele, senape. Generoso al palato, verticale, decisamente secco con frutto denso e retrogusto di pepe bianco e anice.

Praepositus Kerner Alto Adige Valle Isarco Doc 2019

Al naso è aromatico senza eccessi: pesca, albicocca, buccia d’arancio, fiori di sambuco. In bocca risulta ampio, potente con delicate note morbide.

Praepositus Pinot grigio Alto Adige Valle Isarco Doc 2019

Classici sentori varietali: pera, mela, miele con arricchimento di biscotto. Intenso e generoso anche al palato, morbido con retrogusto succoso e sapido.

Praepositus Sauvignon Alto Adige Valle Isarco Doc 2019

Tipica mineralità in combinazione con aromi di peperone verde, ortica, pompelmo, sambuco. Potente, stimolante, aromatico con retrogusto sapido.

Foto di A. Tauber

Gli assaggi: i rossi

Praepositus Lagrein Riserva Alto Adige Valle Isarco Doc 2017

Color cardinalizio intenso, profumo di frutti piccoli, rossi e soprattutto neri (mirtillo e mora). In bocca è succoso, ottima densità di frutto e lunghezza, con retrogusto di frutti del sottobosco.

Praepositus Pinot nero Riserva Alto Adige Valle Isarco Doc 2017

Colore rubino brillante, al naso dona sensazioni di amarena e note di ribes nero, sottobosco e un tocco di cannella e chiodi di garofano. Elegante, fresco con ottima struttura e tannini setosi.

Gli assaggi: i vini dolci

Praepositus Moscato rosa Alto Adige Doc 2018

Rosso granato ancora brillante. Tipico profumo di petalo di rosa, fico, pesca matura, frutti di bosco a bacca nera, cioccolato e caffè. In bocca è dolce, ma rinfrescante ed equilibrato con aroma speziato.

Praepositus Kerner Alto Adige Passito Doc 2018

Giallo dorato dai riflessi brillanti. Profumi intensi di miele d’acacia, albicocche secche, composta di pere, tocco tropicale. Molto dolce e concentrato, ben sorretto dall’acidità, assai persistente.

Realizzato in collaborazione con Abbazia di Novacella

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 17/11/2020

Leggi anche ...

Speri: tradizione e sostenibilità, due facce della stessa Cantina
Storytelling
Speri: tradizione e sostenibilità, due facce della stessa Cantina

La storica azienda veronese, custode dei valori della Leggi tutto

Podere Forte: Asya l’esuberante e l’elegante Ada
Storytelling
Podere Forte: Asya l’esuberante e l’elegante Ada

Podere Forte, celebre per i grandi rossi della Leggi tutto

Lafóa di Colterenzio, evoluzione di un’eccellenza
Storytelling
Lafóa di Colterenzio, evoluzione di un’eccellenza

Una linea di punta, legata all’arte e ispirata Leggi tutto