Dal mondo Dal mondo Anita Franzon

Ondate di caldo record e vini più alcolici: ecco cosa sta succedendo nel mondo

Ondate di caldo record e vini più alcolici: ecco cosa sta succedendo nel mondo

La costa ovest di Stati Uniti e del Canada è stata colpita a fine giugno da un’ondata di caldo anomalo, con temperature record per l’area e picchi di quasi 50°C. Calore e siccità non sono condizioni a cui gli abitanti di queste zone sono abituati; si sono trovati impreparati e costretti a chiudere temporaneamente molte attività. Intanto, la comunità scientifica avverte che ci saranno sempre più episodi estremi come quello appena registrato. In ambito enologico i livelli di alcol nei vini continuano ad aumentare, ma ciò non accade in tutte le regioni vinicole.

Per approfondimenti: Radio-Canada, Food&Wine, The New York Times, The New York Times, Decanter e Meininger’s Wine Business International


Dal nord della California al Canada, passando per l’Oregon e lo Stato di Washington: un’intensa ondata di caldo torrido ha colpito la costa occidentale nordamericana, dove le temperature hanno superato i 40 °C, con picchi fino a 50 °C.

Ondata di caldo nel Pacific North West

I produttori di vino di queste aree sono abituati a un clima estivo piuttosto mite, ma ora sono consapevoli che il riscaldamento globale li porterà a dover affrontare il caldo e la siccità modificando l’approccio alla viticoltura (Radio-Canada). Inoltre, le attività, su tutte quelle di ristorazione, hanno dovuto chiudere temporaneamente, perché in molti casi non disponevano di impianti di aria condizionata (Food&Wine).

Temperature mai registrate prima

Il caldo nell’area del Pacific North West non è stato solo diffuso, ma soprattutto intenso. A Portland e Seattle, rispettivamente in Oregon e nello Stato di Washington, il National Weather Service (servizio meteorologico nazionale) ha segnato le temperature più alte da quando è iniziata la registrazione dei dati nel 1940; si va dai 42 °C di Seattle ai 46 °C di Portland (The New York Times). Anche a Vancouver, in British Columbia, le temperature di fine giugno hanno toccato picchi molto al di sopra della media stagionale, mentre nel piccolo comune di Lytton si è arrivati a 118° Fahrenheit (47,7 °C): la temperatura più alta mai registrata in Canada.

L’ennesima prova del cambiamento climatico

Gli scienziati non hanno più dubbi e anche in questo episodio estremo riscontrano le prove inequivocabili del cambiamento climatico. «Ondate di calore come quella appena registrata si verificheranno con sempre maggiore frequenza, durata e intensità», ha affermato Erica Fleishman, direttrice dell’Oregon Climate Change Research Institute dell’Oregon State University, intervistata da The New York Times.

Continuano a crescere i livelli d’alcol nel vino

I climatologi sanno ormai da tempo che la temperatura media sulla Terra è cresciuta di oltre 1°C dal 1900; a preoccuparli è ora il ritmo sempre più accelerato del riscaldamento. Non solo gli eventi atmosferici anomali si stanno intensificando, ma le conseguenze di tali episodi sono ormai tangibili. Liv-ex, per esempio, ha appena pubblicato uno studio in cui dimostra come i livelli medi di alcol nei vini rossi pregiati, in particolare nelle aree vitivinicole di Bordeaux, Toscana, Piemonte e California, siano aumentati sensibilmente dagli anni ’90 a oggi: riportano i dati le riviste Decanter e Meininger’s Wine Business International. «Questa è un’istantanea straordinaria dei cambiamenti climatici significativi che stanno avvenendo in alcune delle più importanti regioni vinicole del mondo», ha affermato Justin Gibbs, cofondatore e direttore di Liv-ex.

Ma non in tutte le regioni vinicole

Tuttavia, non tutte le regioni del vino hanno visto l’alcol crescere costantemente dal 1990; in Borgogna, per esempio, l’aumento è stato quasi impercettibile, mentre la California ha mostrato un forte picco tra il 2000 e il 2009 seguito, negli ultimi anni, da un leggero calo. Gli studi relativi all’aumento di alcolicità nei vini sono ancora in corso. Liv-ex però avverte quanto sia difficile generalizzare, perché le condizioni meteorologiche influiscono solo in parte sul grado alcolico, che è anche condizionato dalle decisioni stilistiche prese dai singoli viticoltori in vigna e in cantina.

Foto di apertura: © Pixabay – Pexels

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 08/07/2021

Leggi anche ...

Acqua nel sake: è la sua anima gentile
Dal mondo
Acqua nel sake: è la sua anima gentile

Leggi tutto

Ancora incerta la prossima tappa del Concours Mondial de Bruxelles
Dal mondo
Ancora incerta la prossima tappa del Concours Mondial de Bruxelles

Leggi tutto

Dalla California all’Idaho: le nuove frontiere dei vini a stelle e strisce
Dal mondo
Dalla California all’Idaho: le nuove frontiere dei vini a stelle e strisce

Leggi tutto