Senza confini Senza confini

Occhio alla Cina. E a Changyu!

Occhio alla Cina. E a Changyu!

Forse non tutti sanno che in Cina esistono realtà vitivinicole dalle dimensioni inimmaginabili tenendo conto dei nostri standard. Ad esempio, alla ProWein, abbiamo conosciuto da vicino Changyu, una cantina attiva dal 1892, la più antica e grande del Paese, ben 20 mila ettari.

Una storica campagna pubblicitaria anni Trenta dei vini Changyu, con star del cinema come testimonial

Numeri che fanno girare la testa, come questi altri: 29 centri di logistica, 35 compagnie di vendita, 649 città con uffici di vendita, 3.700 agenti, 5.300 distributori e 6.200 adetti alla promozione. Detto questo vien da pensare a quanto sarà lontano il giorno in cui queste etichette potrebbero arrivare sulle nostre tavole. Forse non troppo, vista la qualità già raggiunta oggi da alcune di loro, come ad esempio gli eccellenti Icewine (Golden Diamond, Blue Diamond e Black Diamond) che i cinesi riescono addirittura a vendere sul mercato austriaco e inglese (leggi anche Chateau Changyu, il vino cinese “si insedia” in Inghilterra).

Nel 2001 l'accordo con la French Castel Company

“Changyu was recognized as top 19 the most valuable chinese brands” e “Changyu won top 50 world’s most admired wine brands”, erano le frasi usate per vestire la grafica dello stand della Cantina a Duesseldorf. Che, tradotto, significa, teniamo d’occhio la Cina e Changyu!

 

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 03/04/2013

Leggi anche ...

L’asta da record dei vini di Borgogna
Senza confini
L’asta da record dei vini di Borgogna

Leggi tutto

Riuso bottiglie di vetro: l’Oregon fa scuola
Senza confini
Riuso bottiglie di vetro: l’Oregon fa scuola

Leggi tutto

Scoperto il vino più antico del mondo: ha 2.000 anni
Senza confini
Scoperto il vino più antico del mondo: ha 2.000 anni

Leggi tutto