In Italia In Italia Civiltà del bere

Nasce Akra Vini di Calabria, interpretazione di territorio

Nasce Akra Vini di Calabria, interpretazione di territorio

La nuova azienda vitivinicola della famiglia Sposato possiede 26 ettari nel Cosentino. Dai suoli di terra rossa in frazione Santa Venere nasce Akra Bianco, Moscato con un tocco di Chardonnay. Mentre l’Aglianico Akra Rosso ha carattere deciso ed eleganza non comune.

Con due presentazioni a Cosenza e a Lamezia Terme, il 22 e 23 novembre, ha debuttato ufficialmente Akra Vini di Calabria, una nuova interpretazione del territorio cosentino, una nuova azienda vitivinicola, due nuove etichette nel panorama enologico regionale. Si chiamano Akra Bianco e Akra Rosso, vini caratterizzati dal connubio di freschezza (entrambi dell’annata 2020) e finezza, con profumi decisi e caratteristici, gusto sapido e minerale. 

Akra Bianco e Akra Rosso presto anche all’estero

Il progetto Akra Vini di Calabria nasce sotto ottimi auspici: la famiglia Sposato, proprietaria di 23 ettari di vigne a Castrovillari e 3 ad Acri (Cosenza), ha affidato l’ideazione del progetto ai professionisti Graziana Grassini, enologa che firma numerosi vini italiani famosi nel mondo, e Alessandro Torcoli, comunicatore e editore di Civiltà del bere. Le prime 15 mila bottiglie di Akra Bianco e Akra Rosso sono ora in distribuzione in Calabria, con l’obiettivo di farsi conoscere e apprezzare dapprima “in casa”. Seguirà a breve la distribuzione nelle principali città italiane attraverso una rete di ristoranti ed enoteche selezionate e, dal 2023, anche all’estero. Con l’annata 2021 le bottiglie commercializzate saranno circa 50 mila, per raggiungere un obiettivo a medio termine di 100 mila. 

La creazione dei vini e del marchio

I primi due vini sono un’interpretazione moderna dei suoli di Santa Venere. Si rivolgono a un pubblico ampio, di giovani curiosi e di appassionati di vino senza pregiudizi, alla ricerca di freschezza ed equilibrio.
«Il mio obiettivo è quello di lasciare esprimere il vitigno», ha detto l’enologa Graziana Grassini, «in accordo con il luogo e con lo stile del produttore». Un’enologia essenziale che asseconda il terroir nella sua accezione di terreni, clima, vitigni e persone. La prima degustazione pubblica è stata preceduta da una digressione sul processo creativo che ha condotto alla realizzazione del marchio Akra Vini di Calabria e delle etichette.
«Siamo partiti da Akra, nome greco di Acri – paese d’origine dei proprietari – ma anche parola ricca di significato: altezza, sommità, vetta. Vogliamo collocarci ad alti livelli; non per dominare, ma per mantenere uno sguardo aperto, dall’orizzonte ampio e sempre pronto al confronto», ha spiegato l’art director di Akra, Virginia Fovi

Akra Bianco dalle terre rosse di Santa Venere

Gli eventi Akra sono stati coordinati da Alessandro Torcoli, che ha ricordato: «Presentare oggi una nuova azienda vinicola è una doppia sfida, per il periodo storico e per la proliferazione di etichette, anche in Calabria. Crediamo che Akra sia una proposta innovativa, nel linguaggio, nell’immagine e nella sostanza. Sono vini che esprimeranno con trasparenza ed eleganza un territorio ancora da scoprire a livello nazionale e internazionale, le terre di Cosenza». Si parte da un bianco a base Moscato con una piccola percentuale di Chardonnay.
«L’idea è unire l’intensità aromatica a una compostezza di palato non comune per un Moscato», ha spiegato Alessandro Torcoli, che ha partecipato al progetto anche in qualità di wine designer al fianco di Graziana Grassini.
«Abbiamo lavorato in cantina», ha aggiunto Grassini, «per mantenere l’eleganza e la sapidità che avevamo individuato sin dai primi assaggi come espressione tipica del Moscato allevato sulle terre rosse di Santa Venere». 

Il senso dell’origine

Per entrambi i vini si è deciso di seguire una strada oggi meno battuta, ma capace di rendere più onestamente il senso dell’origine; sono infatti privi di residuo zuccherino, completamente secchi. Il loro equilibrio deriva dal bilanciamento tra la maturità di frutto, la giusta acidità e il calore alcolico; un’armonia che si può raggiungere in primis con un meticoloso lavoro in vigna. Akra si avvale della consulenza dell’agronomo Angelo Bagorda, che è intervenuto alla presentazione: «Seguiamo le piante costantemente, con l’approccio della viticoltura di precisione», ha spiegato. «Vogliamo che le radici vadano in profondità e creino un legame virtuoso con i suoli profondi, pleistocenici, evoluti, di color bruno-rossastro di Santa Venere». 

L’Aglianico Akra Rosso e gli abbinamenti ideali

Akra Rosso «è un Aglianico che rende merito alla grandezza di questo grande vitigno del Sud Italia, proposto in chiave immediata, densa di frutto e brillante», ha suggerito Grassini. Un rosso fermentato in acciaio e affinato in bottiglia; qui «cresce di mese in mese, aggiungendo al suo carattere intenso e deciso un’eleganza di tannino non comune», ha precisato Torcoli. Akra Bianco e Rosso sono stati pensati come vini tipicamente italiani, ovvero amici della convivialità, bottiglie che si esprimono al meglio a tavola.
«Il bianco è ideale con gli antipasti all’italiana, salumi e fritti; ma si accompagna bene anche alle cruditédi mare, con cui dialoga grazie alla sua sapidità. Akra Rosso è perfetto con un tagliere di formaggi a pasta molle o media, così come con le carni bianche e rosse, anche grigliate». 

Come acquistare Akra Bianco e Akra Rosso

Da oggi Akra Bianco e Akra Rosso sono in distribuzione in Calabria, nei più prestigiosi ristoranti e rivenditori. Per informazioni: tenuta@akravinidicalabria.it o 379.28.62.150.

Foto di apertura: da sinistra, Stefano Blaiotta, direttore di Akra, con l’agronomo Angelo Bagorda, l’enologa Graziana Grassini e il titolare Luciano Sposato

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 06/12/2021

Leggi anche ...

I 125 anni del Castello di Querceto
Degustazioni
I 125 anni del Castello di Querceto

Leggi tutto

Addio a Vittorio Vallarino Gancia. Il ricordo del figlio Lamberto
In Italia
Addio a Vittorio Vallarino Gancia. Il ricordo del figlio Lamberto

Leggi tutto

Consorzio Vini Colli Piacentini: verso il riconoscimento della Docg Piacenza
In Italia
Consorzio Vini Colli Piacentini: verso il riconoscimento della Docg Piacenza

Leggi tutto