Senza confini Senza confini Jessica Bordoni

Le Vigne urbane di New York e della Polinesia

Le Vigne urbane di New York e della Polinesia

Negli ultimi anni sono sempre di più i filari metropolitani e anche la Grande Mela ha il suo. Dai grattacieli americani ci spostiamo in mezzo al Pacifico, su un atollo della Polinesia francese. Qui più che di vigna urbana dovremmo parlare di vigna al mare, cresciuta a pochi metri dalla barriera corallina.

Nel 2019 è nata un’associazione internazionale, la Urban Vineyards Association (il cui acronimo è curiosamente U.V.A.) con l’obiettivo di tutelare il patrimonio rurale, storico e paesaggistico, delle vigne urbane, salvaguardando così la loro preziosa biodiversità. Al suo interno figurano la Rooftop Reds a New York, di cui vi parliamo in questo servizio insieme al vigneto del Vin de Tahiti prodotto in Polinesia.

New York

Rooftop Reds

Sui grattacieli di New York non c’è solo chi annaffia l’orto, ma anche chi produce vino. È il caso dell’azienda Rooftop Reds, che come il nome lascia intendere, si sviluppa sopra il tetto di un edificio di Brooklyn, con vista panoramica su lower Manhattan. Con il supporto della Cornell University
e di altri professionisti privati, Devin Shoemaker e la sua squadra hanno sviluppato un sistema personalizzato di oltre 40 fioriere urbane, che coprono il tetto per un totale di 1.375 metri quadrati. Al loro interno sono state impiantate le viti, da cui si ricavano ogni anno tra le 20 e le 25 cassette di uva. Il resto proviene da una tenuta sul lago Keuka nella regione dei Finger Lakes.
299 Sands Street, Building 275, Brooklyn, NY 11205 (vedi su Google Maps)
www.rooftopreds.com

vigne urbane
© Vin de Tahiti

Polinesia

Vin de Tahiti

Sembra impossibile eppure c’è chi produce vino in mezzo all’Oceano Pacifico, su un atollo della Polinesia francese.
A cimentarsi nell’avventura, iniziata ormai 25 anni fa, è il Domaine di Rangiroa, di proprietà di Dominique Auroy. Sotto la guida dell’enologo Sébastien Thepenier, la vigna si è tropicalizzata e oggi la vendemmia si svolge due volte all’anno, a marzo e a settembre. L’appezzamento è raggiungibile soltanto con la barca, non supera i 10 ettari e si trova a poche decine di metri dall’oceano, sotto un substrato di coralli.
La produzione si aggira sulle 40 mila bottiglie di vini bianchi e rosati, messi in commercio con il marchio Vin de Tahiti. Anche se Tahiti è a circa 370 km dall’atollo.
367X+CFG, Tiputa, Polinesia francese (vedi Google Maps)

Foto di apertura: l’azienda Rooftop Reds si sviluppa sopra il tetto di un edificio di Brooklyn, con vista panoramica su lower Manhattan © Rooftop Reds

Per scoprire le altre vigne urbane clicca qui+

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 20/11/2022

Leggi anche ...

Liv-ex Power 100: la Borgogna domina il mercato secondario
Senza confini
Liv-ex Power 100: la Borgogna domina il mercato secondario

Leggi tutto

Il futuro è dei bianchi. Ma l’Italia non è pronta
In Evidenza
Il futuro è dei bianchi. Ma l’Italia non è pronta

Leggi tutto

Cina: le importazioni di vino rallentano, si guarda ad altri mercati asiatici
Senza confini
Cina: le importazioni di vino rallentano, si guarda ad altri mercati asiatici

Leggi tutto