Premium Premium Roger Sesto

La zonazione ci rende unici

La zonazione ci rende unici

La zonazione è lo studio del comportamento della vite in risposta alle condizioni del terroir di appartenenza; è ciò che definisce i tratti specifici di ogni vino. I territori analizzati ne guadagnano dal punto di vista produttivo, ma anche di marketing. Il caso Soave.

«La zonazione viticola in Italia», ricorda l’agronomo Mario Falcetti, «si è sviluppata a partire dalla metà degli anni ’80 del secolo scorso. Fautori dei primi progetti sono stati l’Università di Milano e l’Istituto agrario di San Michele all’Adige. Poi è arrivato l’Istituto sperimentale per la viticoltura di Conegliano. Il punto di riferimento culturale e scientifico di questo nuovo approccio olistico, cioè studiare il comportamento della vite in risposta alle condizioni del terroir di appartenenza, è riconducibile all’Inra di Angers, e in particolare Christian Asselin, coordinatore del progetto, e René Morlat».

Gli anni ’90 hanno visto il diffondersi degli studi di zonazione, via via implementati con più ampi orizzonti investigativi (maggior interdisciplinarietà) e supportati da nuove tecnologie, come il Geographic Information System.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 15/12/2020

Leggi anche ...

La zonazione in Italia, dal Veneto alle Marche
Premium
La zonazione in Italia, dal Veneto alle Marche

Leggi tutto

Come l’acqua influenza l’enografia
Dal mondo
Come l’acqua influenza l’enografia

Leggi tutto

Masciarelli per i 40 anni si regala l’arte
Dall'Italia
Masciarelli per i 40 anni si regala l’arte

Leggi tutto