Dal mondo Dal mondo Anita Franzon

La superficie mondiale del vigneto biologico guadagna terreno

La superficie mondiale del vigneto biologico guadagna terreno

Quasi mezzo milione di ettari. È questa la cifra del vigneto coltivato secondo i criteri dell’agricoltura certificata biologica i cui dati sono stati raccolti nel nuovo rapporto dell’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (Oiv). Lo studio mostra come una viticoltura rispettosa dell’ambiente e dell’uomo stia guadagnando terreno in tutto il mondo. È stata, inoltre, rilevata una forte tendenza verso la certificazione.

Per approfondimenti: Oiv e Harpers.co.uk


La salute dei consumatori e la protezione dell’ambiente costituiscono le due motivazioni principali che, a partire dalla fine del XX secolo, hanno portato alla diffusione della viticoltura biologica a livello globale.

Un fenomeno sempre più rilevante

Il fenomeno è diventato sempre più rilevante, tanto da aver cambiato la percezione e il mercato del vino e aver spinto molti studiosi a occuparsene. L’ultimo rapporto sull’argomento (The World Organic Vineyard) è stato appena pubblicato dall’Oiv. Lo studio prende in esame lo sviluppo e la ripartizione delle aree vitate biologiche certificate che producono uva da vino e uva da tavola nel periodo compreso tra il 2005 e il 2019.

I numeri mondiali del bio

Oggi sono 63 i Paesi coinvolti dalla viticoltura biologica certificata, tradotti in quasi mezzo milione di ettari (454 mila per la precisione), ovvero il 6,2% della superficie vitata mondiale. Il 75% di questi vigneti si trova tra Spagna, Francia e Italia. Proprio la nostra penisola, con 109 mila ettari bio, rappresenta la nazione con la percentuale più alta (15%) in relazione alla superficie complessiva del suo vigneto. Seguono la Francia (14%) e l’Austria (14%). L’unico Paese non europeo nella top 10 è il Messico, con l’8% della sua superficie vitata certificata bio. Il tasso di conversione è aumentato notevolmente dall’inizio del XXI secolo, crescendo in media del +13% all’anno a partire dal 2005.

Si tratta, però, di un processo complesso

Il rapporto rileva anche una forte tendenza alla certificazione. Ma per quanto possa sembrare un processo lineare e in crescita, mostra anche come la conversione di un vigneto alla coltivazione biologica sia spesso complessa e richieda un notevole adattamento da parte delle Cantine. Fenomeni meteorologici in cambiamento e problemi organizzativi possono spingere i produttori ad abbandonare i loro sforzi verso la coltivazione biologica, con conseguente diminuzione delle aree vitate certificate (Harpers.co.uk).

La Spagna è il primo produttore bio

Secondo i dati del 2019, la Spagna è il primo produttore biologico al mondo con 121 mila ettari, che rappresentano il 27% della superficie vitata bio mondiale e il 13% del suo vigneto nazionale. Sono tre le regioni più verdi: Castiglia-La Mancia (50,5%), Catalogna (15,4%) e Valencia (10,6%). Tra il 2005 e il 2019, la Spagna ha registrato una significativa espansione delle aree vitate bio con un tasso di crescita medio annuo del +16%.

Segue la Francia, con un boom negli ultimi 20 anni

La Francia è il numero due al mondo. Nel 2019 contava 112 mila ettari, ovvero il 25% della superficie vitata biologica mondiale. Spinta da una forte domanda interna (in media solo il 40% dei vini bio viene esportato), la Francia ha visto una forte crescita delle aree biologiche certificate negli ultimi 20 anni. In linea di massima, i vigneti certificati sono concentrati nelle regioni vinicole intorno al bacino del Mediterraneo, ovvero in Occitania (37%) e Provenza-Alpi-Costa Azzurra (22%), così come sul versante atlantico, come in Nuova Aquitania (17%).

In Italia il bio è rivolto soprattutto al mercato estero

A partire dal 2005, lungo lo Stivale la superficie di vigneto certificato bio è aumentata in media del +9% ogni anno e la maggior parte di tali coltivazioni è localizzata in Sicilia, Puglia e Toscana, che rappresentano rispettivamente il 27%, il 15% e il 14% della superficie nazionale coltivata a vigneto biologico. L’Italia è un mercato importante per i prodotti biologici che, però, sono in gran parte rivolti all’esportazione: circa l’85% di questi alimentano, infatti, il mercato dell’export.

Foto di apertura: la superficie mondiale di vigneti biologici del mondo nel 2019 © Oiv

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 07/10/2021

Leggi anche ...

Scoperta una gigantesca Cantina in Israele. Risale ad almeno 1.500 anni fa
Dal mondo
Scoperta una gigantesca Cantina in Israele. Risale ad almeno 1.500 anni fa

Leggi tutto

Produrre vino costerà di più. Le previsioni della stampa estera
Dal mondo
Produrre vino costerà di più. Le previsioni della stampa estera

Leggi tutto

Chi seguire sui social: Doug Veliky
Dal mondo
Chi seguire sui social: Doug Veliky

Leggi tutto