Diventare storyteller del vino italiano in Cina

Diventare storyteller del vino italiano in Cina

Per conquistare il mercato internazionale impariamo a raccontare il nostro vino e i suoi punti di forza. Il presupposto è semplice: cambiare punto di vista. La maggioranza dei consumatori stranieri non conosce a fondo la varietà e la qualità dell’offerta vinicola italiana. Men che meno gli appassionati di vino in mercati emergenti come la Cina, in cui il vino francese presidia i consumi di fascia alta. Ice-Agenzia, con Unione Italiana Vini (Uiv) e Federvini, sono partiti da qui ha voluto fare di più. Obiettivo dichiarato del progetto a sei mani “Top Italia” è “incrementare il livello di conoscenza del consumatore cinese”, formando dei veri e propri Storyteller (o Educator) del vino italiano attraverso brevi corsi per professionisti locali.

Corsi di formazione per “storyteller del vino”

Il primo di questi quattro eventi formativi si è svolto a Shanghai dal 24 al 26 giugno (nella sede della società Yishang Wine Business Consulting Co.). A tenere le lezioni frontali c’erano esperti locali del settore – Lau Wai Man Ronny di Hong Kong, Sophie Lui di Shanghai e Jerry Chen Cheng Yi di Guangzhou – mentre l’italiano Simone Semprini, coordinatore didattico delle sessioni, ha guidato le degustazioni.

I prossimi appuntamenti

I 20 professionisti partecipanti hanno potuto approfondire, in particolare, dieci denominazioni italiane: Asti, Barolo e Langhe per il Piemonte, Franciacorta e Prosecco, classici delle bollicine, il sempre più amato Amarone della Valpolicella, Montepulciano d’Abruzzo, Sicilia Doc e la Toscana del Chianti, Chianti Classico e Brunello di Montalcino. Ora si prosegue a Guangzhou (22-24 luglio), Pechino (26-28 agosto) e Chengdu (14-16 ottobre). I partecipanti di tutti i corsi riceveranno un diploma a novembre, presso l’Ambasciata italiana di Pechino, e saranno coinvolti in eventi di promozione nel Paese del Sol Levante.

Il vino italiano in Cina: qualche cifra

L’Italia è quinto esportatore di vino in Cina dopo Francia, Australia, Cile e Spagna, con una quota di mercato pari a 89,1 milioni di euro (2015), in netto incremento negli ultimi 2 anni (74,7 milioni di euro nel 2013, +19,3%), anche in quantità (+22,9%, da 21,9 a 26,9 milioni di litri). Il comparto dei vini in bottiglia, in particolare, vale 72 milioni di euro nel 2015 (59,3 milioni nel 2014). Dati Istat elaborati da Ice-Agenzia

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 30/06/2016

Leggi anche ...

Il vino (piombato) rese sordo Beethoven?
Senza confini
Il vino (piombato) rese sordo Beethoven?

Leggi tutto

Bordeaux En Primeur, il trend al ribasso dei prezzi 2023
Senza confini
Bordeaux En Primeur, il trend al ribasso dei prezzi 2023

Leggi tutto

La grandine mette a rischio la prossima vendemmia di Chablis
Senza confini
La grandine mette a rischio la prossima vendemmia di Chablis

Leggi tutto