Franciacorta Berlucchi negli States con Paterno-Terlato

Franciacorta Berlucchi negli States con Paterno-Terlato

La Guido Berlucchi di Borgonato di Corte Franca (Brescia), tra le maggiori Cantine produttrici di Metodo Classico Franciacorta, ha firmato un contratto esclusivo per la distribuzione delle proprie etichette su tutto il territorio statunitense con la Paterno Imports – Terlato Wines International, azienda leader che ha già in portfolio realtà italiane del calibro di Santa Margherita, Gaja, Florio e Nonino.

«Abbiamo trovato nella famiglia Terlato il partner perfetto per realizzare insieme questo ambizioso progetto, grazie alla sua passione e competenza nei vini italiani e alla profonda conoscenza dei consumatori di alto profilo. Il nostro obiettivo è di affermare la leadership di Berlucchi negli Usa, una piazza difficile eppure interessante in cui i consumatori stanno dimostrando grande interesse per i prodotti italiani di qualità», ha dichiarato Paolo Ziliani, consigliere delegato e marketing dell’azienda nonché figlio del grande Franco Ziliani, co-fondatore e presidente della società, che proprio lo scorso luglio ha festeggiato i suoi 80 anni e i 50 anni dell’azienda, nata nel 1961 quando fu prodotta la prima bottiglia di Pinot di Franciacorta.

L’accordo si inserisce nella strategia di internalizzazione che la Guido Berlucchi sta portando avanti; attualmente i vini della Cantina sono esportati in più di 30 Paesi, tra cui Giappone, Germania, Svizzera e Regno Unito, e l’obiettivo è ora quello di puntare agli Usa grazie a una distribuzione capillare garantita dalla Paterno Imports – Terlato Wines International.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 11/08/2011

Leggi anche ...

Siccità e sprechi, il cattivo esempio della California
Senza confini
Siccità e sprechi, il cattivo esempio della California

Leggi tutto

London Wine Fair, un tiepido ritorno
Senza confini
London Wine Fair, un tiepido ritorno

Leggi tutto

Classificazione di Saint-Émilion: l’esodo continua
Senza confini
Classificazione di Saint-Émilion: l’esodo continua

Leggi tutto