Dal mondo Dal mondo Mike Veseth

Economia del vino e coronavirus: i rischi che corriamo

Economia del vino e coronavirus: i rischi che corriamo

La preoccupazione per l’impatto sulla salute e per gli effetti economici del nuovo coronavirus continua a crescere. Anche se la prima è più importante, poiché le vite umane sono a rischio, è doveroso domandarsi quanto influirà questa pandemia sull’economia globale, in generale, e sull’industria vinicola in particolare.

Ho seguito da vicino la situazione concentrandomi, per motivi personali, sugli Stati Uniti (viviamo a circa 40 miglia dall’epicentro dell’infezione da coronavirus vicino a Seattle) e sul nord Italia (vivevamo a Bologna quando insegnavo al centro Johns Hopkins). L’esperienza italiana finora è degna di nota: città intere sono state inizialmente chiuse per contenere il virus o per rallentarne la trasmissione, tutte le scuole e le università chiuse per precauzione, e scene di piazze vuote e di vie turistiche a Venezia e Milano.

Focus in Italia e Usa

Vaste zone del nord Italia, tra cui la Lombardia e il suo capoluogo Milano, sono state successivamente messe in quarantena, che ora è stata estesa a tutto il Paese. Più vicino a casa, alcune scuole e college, tra cui il campus dell’Università di Washington, hanno annullato le lezioni fisiche a favore dell’insegnamento on-line. Diverse importanti società, come Amazon, stanno incoraggiando il telelavoro, se possibile. È probabile che la preoccupazione negli Stati Uniti aumenti con l’arrivo di ulteriori kit di test (e che emerga il vero quadro dell’epidemia).

Quali sono i rischi economici per il settore?

Ho fatto alcune riflessioni su The Wine Economist sul rapporto tra vino e coronavirus per cercare di pensare più chiaramente ai potenziali rischi economici per il settore. Sono necessariamente incomplete e cambiano ogni giorno – proprio come tutto ciò che riguarda il coronavirus. Ecco una rapida analisi di diverse “aree di preoccupazione”, partendo dalle più generali per poi restringere il campo.

Recessione, diminuzione del reddito e dell’occupazione

Rischio: medio-alto (e probabilmente in aumento)

Giappone, Italia e Germania erano già sull’orlo della recessione prima dell’epidemia di coronavirus, quindi non è irragionevole pensare che saranno risucchiati nella recessione economica, portando potenzialmente con sé altri Paesi attraverso quel tipo di contagio economico che le mascherine e il disinfettante per le mani non possono arginare. Questo è un problema serio, perché si teme il rallentamento della crescita economica anche in Cina, negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Le esportazioni cinesi sono diminuite del -17% nella disponibilità dell’offerta per il periodo più recente, il che è di cattivo auspicio per la loro situazione economica.

Le risposte del mercato finanziario

Le banche centrali si sono impegnate a contrastare gli impatti economici del coronavirus, anche se finora non si sono impegnate a intraprendere un’azione coordinata, che sarebbe più efficace.  La scorsa settimana la Federal Reserve statunitense ha tagliato di mezzo punto percentuale il suo obiettivo chiave per i tassi di interesse, ma la risposta del mercato finanziario è stata in parte debole perché, secondo alcuni osservatori, questa azione era già stata nelle aspettative degli investitori. In ogni caso i tassi d’interesse sono uno strumento contundente di fronte a un problema specifico come il coronavirus.

Verso la recessione globale?

Con tassi di interesse già così bassi (in alcuni casi negativi), la preoccupazione è che gli attacchi preventivi delle banche centrali contro i coronavirus consumino tutte le munizioni rimaste per affrontare la recessione e il contagio economico. Il rischio di una recessione globale, probabilmente più piccolo della crisi finanziaria globale di un decennio fa e certamente diverso da essa, è quindi amplificato dal coronavirus. La possibilità di una recessione con i suoi effetti sul reddito e sull’occupazione sia in generale che nell’industria vinicola è quindi una preoccupazione molto seria.

Interruzione della catena di approvvigionamento

Rischio: significativo e in aumento man mano che il virus si diffonde

Uno degli effetti del coronavirus è stato quello di renderci più consapevoli dei rischi inerenti alle catene di fornitura internazionali e globali e alle relative strategie di produzione just-in-time. I colli di bottiglia in qualsiasi punto della catena possono potenzialmente avere un impatto sulla produzione finale. Alcune fabbriche in Cina sono state chiuse a causa della minaccia del coronavirus o hanno rallentato la riapertura dopo le vacanze del Capodanno lunare, il che ha creato carenze di pezzi e preoccupazione in molti settori, oltre a ridurre i flussi commerciali internazionali. Gli orari delle spedizioni internazionali e la disponibilità di container sono stati entrambi interrotti su alcune rotte.

Il vino ne risente (ma meno di altri settori)

Il vino è certamente influenzato dai problemi della catena di approvvigionamento legati al coronavirus, anche se non tanto quanto alcuni altri settori come quello automobilistico ed elettronico.  Le importazioni di vetro dalla Cina sono una preoccupazione importante e sono sicuro che ce ne sono altre. Anche le esportazioni di vino, che sono di crescente importanza a causa delle eccedenze interne, possono essere influenzate. In che modo i problemi della catena di fornitura hanno influenzato il business del vino? Gli eventi attuali sembrano portare molte aziende a riconsiderare le proprie strategie di supply chain, spostandosi più vicino a casa in alcuni casi e contando meno sulle forniture “just in time” in altri.

Viaggi e turismo

Rischio: elevato per l’intero settore

I viaggi e il turismo sono drasticamente diminuiti in molte regioni, poiché la gente evita gli aeroporti e le situazioni di affollamento in generale, dove il contagio potrebbe avvenire. Le partite di calcio sono state cancellate o posticipate in Italia, ad esempio, e alcune partite giocate in stadi vuoti. Non è chiaro come potrebbero essere influenzate le Olimpiadi di quest’estate in Giappone.

L’impatto sull’enoturismo

Il turismo del vino sarà probabilmente vittima del generale declino dei viaggi nazionali e internazionali, anche se è troppo presto per indovinare quanto grande sarà l’impatto sulle visite con degustazione e sulle vendite. Le vendite dirette ai visitatori sono diventate un fattore economico molto importante per molte aziende vinicole statunitensi, quindi qualsiasi diminuzione dei viaggi legati al vino avrebbe un impatto importante.

In crociera, in volo, in fiera

Le compagnie aeree e le navi da crociera sono anche un buon mercato del vino per coloro che possono assicurarsi il loro business e l’improvviso declino dei voli e dell’interesse per le crociere influenzerà necessariamente anche queste vendite, oltre a minacciare la salute finanziaria delle stesse compagnie aeree e crocieristiche. I viaggi d’affari ne risentono insieme ai viaggi di vacanza. Diversi grandi raduni internazionali del vino sono stati cancellati o rinviati, tra cui ProWein in Germania, per esempio, e Taste Washington qui negli Stati Uniti. Molte persone si chiedono “questo viaggio è davvero necessario? Gli incontri cancellati sono costosi sia in termini di costi diretti che di potenziali perdite di affari. Le conseguenze continuano a diffondersi.

Impatti globali on-trade e off-trade

Rischio: significativo per il mercato del vino, con una buona dose di incertezza

La Cina è uno dei mercati vinicoli più importanti per le aziende francesi e australiane, e la sua domanda di vino è diminuita significativamente nelle ultime settimane, secondo i primi rapporti, poiché i consumatori hanno smesso di riunirsi nei ristoranti e in altri locali per paura del coronavirus. Quanto durerà questa situazione e quanto la domanda di vino si riprenderà, quando l’allarme sanitario sarà passato, sono questioni aperte.

In calo le vendite di vino (a partire dai ristoranti)

La vendita di vino nei ristoranti è importante anche al di fuori della Cina, naturalmente: è un mercato importante da tenere d’occhio. Coloro che sono preoccupati per il contagio ricorrono alla consegna a domicilio dei pasti o della spesa per evitare le folle. Questo non è vantaggioso per le vendite di vino in molte aree, compresi gli Stati Uniti, dove la vendita a domicilio di vino non è molto efficiente, rispetto a quella di altri prodotti.


Siamo pronti ad affrontare la recessione?

Il punto è che il coronavirus ha molti effetti dannosi per l’economia in generale e per l’economia del vino in particolare. Chiunque nel business del vino farebbe bene a porsi una serie di domande che iniziano con “quanto è ben preparata la mia azienda ad affrontare la recessione?” e proseguono fino alle interruzioni della catena di fornitura, alle oscillazioni della domanda dei consumatori, ai modelli commerciali alterati, alle strategie e alle politiche della sala di degustazione, e così via. È già troppo tardi per anticipare alcuni impatti, ma non troppo presto per pensare ad altri.

Uno scenario possibile

Detto questo, le domande più importanti sono probabilmente quelle che non ho posto qui. La ricerca che ho fatto nell’altra mia vita come professore di economia internazionale che indaga sulle crisi finanziarie suggerisce che il contagio non sempre rimane nella sua corsia. L’abbiamo visto lunedì, quando il calo della domanda di petrolio dovuto al coronavirus ha scatenato una guerra dei prezzi che ha fatto scendere drasticamente le quotazioni di petrolio. Alcuni investitori hanno scaricato le partecipazioni azionarie nel settore per coprire le perdite, innescando una svendita globale. Le obbligazioni societarie spazzatura – e ce n’è una montagna là fuori – potrebbero essere le prossime. Se cominciano a cadere, le banche centrali avranno bisogno di tutte le risorse possibili per mantenere la liquidità.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 12/03/2020

Leggi anche ...

Annullata ProWein 2021
Dal mondo
Annullata ProWein 2021

La Messe Düsseldorf conferma: ProWein 2021 non s Leggi tutto

Amore amaro, riscopriamo un classico italiano
Dal mondo
Amore amaro, riscopriamo un classico italiano

Gli italiani hanno una lunga tradizione nella produzion Leggi tutto

Chi seguire sui social: Jamie Goode
Dal mondo
Chi seguire sui social: Jamie Goode

Jamie Goode è un giornalista e critico enologico Leggi tutto