Dal mondo Dal mondo Anita Franzon

È un buon momento per il vino inglese

È un buon momento per il vino inglese

Il vino inglese vive un periodo d’oro. La vendemmia è stata di ottima qualità e le limitazioni ai viaggi all’estero per l’emergenza Coronavirus hanno favorito una ripresa dell’enoturismo interno. E un nuovo vitigno resistente potrebbe rappresentare un punto di svolta per la produzione di vino inglese rosso.

La 2020 è stata una vendemmia complicata in tutto il mondo e lo è stata anche in Inghilterra dove, nonostante le avversità e la crisi pandemica, i viticoltori stanno festeggiando per la qualità eccezionale delle uve.

Un’ottima annata (nonostante tutto)

Ian Edwards di Furleigh Estate, nella Contea di Dorset, racconta: «È il frutto più maturo che abbiamo raccolto in 15 anni di coltivazione». Anche per Mark Driver di Rathfinny Wine Estate «la qualità di quest’anno è molto alta, l’uva era sana, gli zuccheri ideali e l’acidità giusta per i nostri spumanti del Sussex. Stiamo anche pianificando di produrre un po’ di vino rosso fermo».

Cresce l’enoturismo

Inoltre, i produttori di vino inglese hanno segnalato un grande afflusso di visitatori nelle loro cantine, poiché le restrizioni sui viaggi imposte dal Covid hanno invogliato molti inglesi a esplorare le campagne vicino a casa. Miles Beale, amministratore delegato del principale ente per il commercio di bevande del Regno Unito, la Wine and Spirit Association, fa sapere: «Pur affrontando molte battute d’arresto, il settore imprenditoriale del vino inglese sta raccogliendo i frutti degli investimenti nel turismo rurale» (Vinex e The drinks business).

Una varietà resistente perfetta per il vino inglese

Intanto, un nuovo vitigno potrebbe rappresentare un punto di svolta per la produzione di vino rosso inglese. Si chiama Divico e ha origine svizzera: secondo gli esperti dell’Istituto Nazionale di Botanica del Kent, quest’uva a bacca rossa ha una buona tolleranza al gelo, una forte resistenza agli attacchi fungini ed è perfetta per le primavere fredde e gli autunni umidi dell’Inghilterra. Qui attualmente la varietà più coltivata è il Pinot nero, ma i vini rossi rappresentano solo il 2% della produzione vinicola britannica.

Il nome che rievoca un grande re celtico

Grazie a questa varietà le percentuali potrebbero crescere e «Divico porterà i nostri rossi a un altro livello», ha detto il produttore Martin Vickers di Halfpenny Green (nello Staffordshire), continuando: «Penso davvero che sia un punto di svolta per il vino rosso inglese. Per anni abbiamo coltivato il Pinot nero, ma da questo vitigno non si ottengono la profondità e il corpo che le persone cercano in un rosso». La nuova varietà dedicata alla figura di Divico, re celtico che guidò diverse campagne contro i romani, sarebbe dunque molto più robusta di altre sia in vigna, sia nel bicchiere e nel 2022 potrebbero essere pronte le prime bottiglie per la vendita (National Geographic).

Foto di I. West

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Leggi le altre notizie dal mondo di questa settimana

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 05/11/2020

Leggi anche ...

Annullata ProWein 2021
Dal mondo
Annullata ProWein 2021

La Messe Düsseldorf conferma: ProWein 2021 non s Leggi tutto

Amore amaro, riscopriamo un classico italiano
Dal mondo
Amore amaro, riscopriamo un classico italiano

Gli italiani hanno una lunga tradizione nella produzion Leggi tutto

Chi seguire sui social: Jamie Goode
Dal mondo
Chi seguire sui social: Jamie Goode

Jamie Goode è un giornalista e critico enologico Leggi tutto