Scienze Scienze Mario Fregoni

La vite è sana? Basta saper leggere le sue foglie

La vite è sana? Basta saper leggere le sue foglie

L’eccellenza del vino dipende da come la pianta ricava dall’ambiente le sostanze per vivere. Analizzare le foglie aiuta a comprendere lo stato di salute della vite meglio di quanto si possa fare guardando alla composizione del terreno.

Per stabilire se una persona si nutre bene, male o correttamente, si effettuano diverse analisi che consentono di consigliare la dieta da seguire, tenendo conto del peso corporeo, del sesso, del lavoro, delle perdite energetiche con lo sport e così via. In questa maniera si può procedere anche per la vite, per la quale sono disponibili metodi di analisi capaci di indicare se il vigneto ha qualche carenza, eccesso o è in buono stato nutritivo.

L’analisi della struttura del terreno è utile prima dell’impianto

Cos’è la diagnostica fogliare

La diagnostica fogliare è il metodo più scientificamente noto nel mondo, messo a punto prima per la vite e poi passato ad altre specie coltivate. Consiste nell’analizzare i lembi o i piccioli fogliari in determinate fasi fenologiche significative per lo stato nutritivo e fisiologico, ossia all’allegagione (quando inizia lo sviluppo del frutto dopo la fioritura) e all’invaiatura (quando cambia il colore dell’acino e il frutto cresce di dimensioni).

La diagnostica fogliare è utile per capire se il vigneto è in buona salute (credit: Pixabay)

La foglia è una miniera di informazioni

In genere si determinano una decina di macro e microelementi e si confrontano i contenuti singoli con i livelli standard regionali, nazionali o internazionali, al fine di definire le deficienze, gli eccessi o la normalità dei singoli elementi, nonché dei rapporti fra alcuni elementi fra loro antagonisti. La diagnostica fogliare o peziolare (dei piccioli) si basa sul presupposto che la foglia, o parte di essa, rappresenti lo stato nutritivo di tutta la pianta, che gli elementi in essa presenti siano stati effettivamente assorbiti per via radicale o fogliare, che siano trasferibili e utilizzabili nella fisiologia delle vite.

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 1/2020. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 11/03/2020

Leggi anche ...

Flessibile e resistente: è il vigneto di domani
Scienze
Flessibile e resistente: è il vigneto di domani

Questo contenuto è riservato agli abbonati digita Leggi tutto

Covid-19 e la paura di perdere olfatto e gusto
Scienze
Covid-19 e la paura di perdere olfatto e gusto

Due sintomi tipici del coronavirus sono anosmia Leggi tutto

Che vino nascerà dal tuo vigneto? Te lo dice l’Indice Bigot
Dall'Italia
Che vino nascerà dal tuo vigneto? Te lo dice l’Indice Bigot

L’Indice Bigot propone un un metodo scientifico per valutar Leggi tutto