Dal mondo Dal mondo Anita Franzon

Chi seguire sui social: Florent Martin

Chi seguire sui social: Florent Martin

Florent Martin si è appena meritato il prestigioso titolo di miglior sommelier di Francia 2021 e la sua vita professionale, che si può seguire anche su LinkedIn (Florent Martin), ha già subito una svolta. Dopo 11 anni di lavoro al tristellato Le Cinq, ristorante dell’hotel George V di Parigi, ora il sommelier 33enne originario della Corsica è pronto per una nuova avventura lavorativa al ristorante Peninsula, sempre nella capitale francese.

Il percorso per vincere il 31° concorso per il miglior sommelier di Francia non è stato breve. Florent Martin si è aggiudicato il titolo dopo diversi tentativi falliti. Ma ora il giovane sommelier afferma su La Revue du Vin de France: «Sono orgoglioso di aver dimostrato di poter salire sul palco, gestire il mio tempo e impressionare i giurati. Ecco cosa vuol dire essere il miglior sommelier di Francia; riuscire in pochi minuti ad appassionare con entusiasmo un pubblico di grandi professionisti (…) Un campione non è solo un grande assaggiatore o un ottimo tecnico, è anche qualcuno che è capace di trasmettere, di condividere le proprie emozioni, di dare vita a esperienze speciali». Mentre in un’intervista rilasciata a Le Figaro, conclude: «Non sono il miglior sommelier di Francia. Sono soprattutto un sommelier felice!».

Questa notizia fa parte della rassegna stampa internazionale di Civiltà del bere. Per riceverla gratuitamente una volta a settimana in formato newsletter iscriviti qui.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 10/06/2021

Leggi anche ...

Sommelier, professione in rapida evoluzione. Il punto sulla stampa estera
Dal mondo
Sommelier, professione in rapida evoluzione. Il punto sulla stampa estera

Leggi tutto

Vendemmia e climate changing: i francesi si preparano. L’ultimo studio in Borgogna
Dal mondo
Vendemmia e climate changing: i francesi si preparano. L’ultimo studio in Borgogna

Leggi tutto

L’Australia guarda oltre la Cina (e i suoi dazi)
Dal mondo
L’Australia guarda oltre la Cina (e i suoi dazi)

Leggi tutto