Dal mondo Dal mondo Anna Rainoldi

Château Changyu, il vino cinese “si insedia” in Inghilterra

Château Changyu, il vino cinese “si insedia” in Inghilterra

È ormai assodata la presenza di vino made in China sugli scaffali inglesi. Dopo qualche avvisaglia “esplorativa” – come la vendita temporanea del Cabernet Gernischt di Château Changyu nei lussuosi supermarket Waitrose, lo scorso anno – la società Berry Bros & Rudd apre un canale fisso di distribuzione per quattro etichette della stessa Cantina: Château Changyu Moser XV (39 pound) e gli ice wine Gold, Blue e Black Label (dalla regione del Liaoning, rispettivamente a 19, 35 e 65 pound).

Château Changyu Moser XV sarà in vendita a 39 pound

LA NUOVA APERTURA ALL’EXPORT – La produzione vinicola cinese, ottava al mondo per volumi, finora si è rivolta al consumo interno, o comunque ha varcato i confini nazionali solo grazie a interventi esterni. Era solo una questione di tempo: oggi Changyu ha segnato la differenza, scegliendo di investire nel mercato internazionale collaborando con società competenti.

UNA REALTÀ IN ESPANSIONE – Château Changyu è il primo produttore vinicolo cinese, e si sta espandendo molto rapidamente: nella provincia di Shandong, oltre alla costruzione di un’enorme tenuta (413 ettari) annunciata dalla stampa nazionale lo scorso anno, la Cantina sta ultimando sei Château in join venture con la società francese Castel. Dal punto di vista della qualità produttiva non sono mancati, negli ultimi anni, alcuni riconoscimenti incoraggianti, tra cui un argento ai Decanter World Wine Awards 2011 (per Château Changyu Vidal Ice Wine 2008).

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 25/03/2013

Leggi anche ...

Perché l’export di vino italiano ha ricominciato a volare
Dal mondo
Perché l’export di vino italiano ha ricominciato a volare

Leggi tutto

Come sta andando la vendemmia 2021 in Europa
Dal mondo
Come sta andando la vendemmia 2021 in Europa

Leggi tutto

Chi seguire sui social: Levi Dalton
Dal mondo
Chi seguire sui social: Levi Dalton

Leggi tutto