Senza confini Senza confini Elena Erlicher

Aurand direttore dell’Oiv

Aurand direttore dell’Oiv

Jean-Marie Aurand sarà il nuovo direttore generale dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino (Oiv). Succederà a Federico Castellucci a partire dal 1° gennaio 2014. Aurand è stato eletto al primo turno per un un mandato di cinque anni nel corso dell’11ª assemblea generale dell’ente, che si è svolta durante il XXXVI Congresso mondiale della vigna e del vino, dal 2 al 7 giugno a Bucarest, alla presenza dei 45 Stati membri.

LA CARRIERA – Originario della regione del Languedoc-Roussillon, Aurand ha ricoperto negli anni diversi incarichi di responsabilità al ministero dell’Agricoltura. Tra le altre cose, è stato a capo della delegazione francese all’Ufficio Internazionale del Vino dal 1994 al 1998, è stato supervisore dell’Onivins (l’Organo nazionale interprofessionale dei vini) e di Sopexa (Groupe Marketing International, Alimentaire vin & art de vivre). Inoltre, è stato commissario del governo dell’Inao (Istituto nazionale delle denominazioni d’origine) per quattro anni. Nell’ambito delle sue attività, ha anche negoziato per la Francia le ultime due riforme dell’Ocm-vino.

L’IMPORTANZA DEL LAVORO DI SQUADRA – Aurand di fronte all’assemblea si è definito «uomo del dialogo e del consenso, con il senso del lavoro di squadra». Ha affermato di voler mantenere «la rotta segnata da Castellucci e di voler cercare i mezzi per percorrere quelle tappe che porteranno l’organizzazione a essere ancora più conosciuta, moderna e collettiva, in cui ogni Paese membro si possa riconoscere, nel pieno rispetto delle peculiarità di ognuno».

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 11/06/2013

Leggi anche ...

Vino e cocktail: quali saranno i trend dell’autunno?
Senza confini
Vino e cocktail: quali saranno i trend dell’autunno?

Leggi tutto

Champagne: approvate le Vignes Semi Larges
Senza confini
Champagne: approvate le Vignes Semi Larges

Leggi tutto

Il caso Vermentino in etichetta: la Francia protesta
Senza confini
Il caso Vermentino in etichetta: la Francia protesta

Leggi tutto