Dal mondo Dal mondo Mike Veseth

Vino in lattina: diventerà un trend anche qui?

Vino in lattina: diventerà un trend anche qui?

Il vino in lattina è in circolazione da un po’ di tempo (soprattutto nel Nuovo Mondo) e negli ultimi due anni ha fatto un vero e proprio boom, anche se c’è chi sospetta che sia una moda passeggera. Analizziamo il fenomeno con The Wine Economist.

Le vendite di vino in lattina registrate dalla Nielsen nei canali off-premise ammontano a 70 milioni di dollari in un anno (dati del 15 giugno 2019). Parliamo di un incremento del +69% sul 2018. In un mercato dove crescere è difficile, il vino in lattina è vittorioso.

Dati Nielsen per le vendite fino al 20/4/2019. Ogni settimana aumenta il numero di brand di vino in lattina


Dalla ricerca Nielsen emerge inoltre che le vendite di vino in lattina interessano soprattutto i consumatori più giovani, gli stessi che secondo altri studi sono poco interessati al vino. Diventerà un trend? Penso che le lattine siano un fenomeno serio, anche se potrebbe esserci una certa stagionalità che influenzerà le conclusioni, fino a quando non avremo più dati.

Funzionale e conveniente

La convenienza è una delle caratteristiche più citate, quando si parla di vino in lattina. Ed è vero che una lattina è facile da buttare nello zaino o nel cestino da picnic se si è diretti fuori per una gita. Ma le lattine sono molto di più dell’equivalente vinicolo della frutta secca. La rubrica “Is the Future of Wine in the Can” di Michelle Williams su Forbes dà una prospettiva ottimistica per il vino in lattina, prestando particolare attenzione alle cantine dell’Oregon e del Texas, due regioni dove la produzione vinicola è in piena espansione (e che spesso adottano questo contenitore). Amber LeBeau, autrice del blog Spitbucket, sostiene che la tradizionale bottiglia di vino da 0,75 l sia poco apprezzata dai nuovi consumatori, giovani e meno giovani, che si preoccupano di limitare il consumo di alcol o di evitare sprechi.

Una soluzione al consumo eccessivo di alcol? Forse è il contrario

Se tutto quel vino da bere in una sola volta può essere eccessivo, le lattine (che per la maggior parte corrispondono a circa due bicchieri) e il vino di qualità nei bag-in-box (da cui si può erogare il necessario) sono buone soluzioni alternative. Forse questo è uno dei motivi per cui le due categorie di packaging del vino in più rapida crescita sono la lattina e il cartone. Capisco l’attenzione al problema dell’alcol e il fatto che i contenitori più piccoli si adattino ad uno stile di vita più sobrio. Ma il mio amico Patrick the Wine Guy ha la preoccupazione opposta, e cioè che i consumatori non si rendano conto che le lattine da 375 ml corrispondono a due bicchieri di vino finché non è troppo tardi, ovvero dopo averne trangugiate un paio come se contenessero birra poco alcolica.

Il grande potenziale del food delivery

Le lattine rappresentano un potenziale vantaggio anche per le app di food delivery. Non so con esattezza quanti ordini UberEats includano una bottiglia da 0,75 l di vino in aree dove sarebbe legale (non molti, immagino), ma posso immaginare il potenziale per i vini in lattina monodose in un simile contesto: scelte semplificate e convenienti e la possibilità di includere il vino nel sacchetto con l’ordinazione. Il delivery è il settore in più rapida crescita per le attività di ristorazione: alcuni imprenditori creano ristoranti virtuali e “cucine fantasma” focalizzati solo sulla consegna a domicilio. Aggiungete una lattina di Pinot noir o di Sauvignon blanc a quell’ordine e siete a posto.

Cambiare è difficile, anche quando ha senso

C’è molto da apprezzare del vino in lattina, una volta superato lo shock iniziale. Ma questo non è niente di nuovo. Sono sicuro che la birra in lattina ha fatto storcere il naso quando è apparsa per la prima volta. E, cambiando prodotto, ho letto che i libri tascabili una volta erano visti come una minaccia per la pubblicazione di libri “seri”. Il cambiamento è difficile – anche quando ha senso (come dice Amber LeBeau). Il vino in lattina comporta molti vantaggi, ma questo non significa che non ci siano sfide da affrontare. Ecco quindi tre questioni da considerare.

Questione #1: quello che ci metti, esce

Quando diciamo che stiamo facendo ricerche sui vini in lattina, quasi sempre ci chiedono: “Com’è?”. Beh, il vino che si versa dalla lattina è il vino che ci è stato messo dentro. Questa è una cosa che il vino in lattina ha in comune con bottiglie e cartoni di vino. Se il vino che è entrato è pessimo, non aspettatevi che ne esca qualcosa di meglio. Un recente studio sui vini in lattina confrontati con quelli imbottigliati ha dimostrato che non esiste una differenza significativa nella valutazione del consumatore. Le lattine non hanno modificato i vini in alcun modo per chi li beve.

Si rischia un doppio effetto negativo

Alcune aziende vinicole, come 14 Hands, utilizzano lo stesso brand sia per la bottiglia che per la latta, sfruttando così la loro reputazione per promuovere il prodotto in lattina. Devono assicurarsi che il vino nelle lattine sia uguale a quello in bottiglia, poiché un’esperienza inferiore si rifletterebbe negativamente su entrambi i prodotti. Molte marche di vino in lattina hanno un prezzo base (4,99-5,99 dollari, o anche meno) e probabilmente contengono vino sfuso a basso costo. Alcuni sono meglio di altri, come è logico. Ma solo un paio di vini in lattina che ho provato finora sono stati significativi (e li berrei di nuovo). La maggior parte sono stati deludenti e troppo costosi.

Il messaggio giusto

Dal momento che il processo di confezionamento non è apparentemente il problema, i vini deludenti che stiamo versando dalle lattine dovevano esserlo anche quando vi sono entrati. Il nostro preferito su una dozzina che abbiamo assaggiato è il C’est Le Vin Rosé di Barnard Griffin, dello Stato di Washington. L’etichetta dice che è “un buon vino di Washington che si trova in una lattina” e direi che è il messaggio giusto. È il vino che conta. La lattina è solo un contenitore.

Questione #2: la data di scadenza

Guardo sempre la scritta “da consumarsi entro” quando acquisto latte, yogurt e altri alimenti. Ora ho iniziato a controllare la data anche sulle lattine di vino. Sue ed io abbiamo partecipato a una presentazione sulla tecnologia di confezionamento del vino in lattina all’inizio dell’estate, ed ero interessato a conoscere lo speciale rivestimento interno che è la chiave del successo della lattina. L’alcool e l’acido del vino non vanno molto d’accordo con l’alluminio, quindi è necessario un rivestimento particolare. Questi rivestimenti sono in genere approvati per 6-9 mesi, ci è stato detto, a seconda dell’analisi chimica del vino. Il vino può essere buono anche a 12 mesi o più a lungo, ma normalmente le lattine sono pensate per una permanenza sullo scaffale più breve. Le casse di vino in lattina non devono restare in un magazzino per mesi in attesa di essere consegnate a un rivenditore.

I limiti della lattina

Molte delle lattine che ho visto (ma non tutte) hanno una data di confezionamento o un codice equivalente stampato sul contenitore. D’ora in poi andrò a controllarlo, proprio come farei con un litro di latte, e cercherò vini con meno di 6 mesi o giù di lì. Abbiamo provato uno Spritz con vino bianco spumante in lattina ed è stata una grande delusione. Sembrava rinfrescante (speravo in un’esperienza tipo Aperol Spritz), ma non era molto arancione. Non c’era molto vino e c’erano un sacco di bollicine. Il problema era nel prodotto o nel fatto che è stato confezionato un anno prima del nostro acquisto e il rivestimento in lattina aveva fallito in qualche modo?

Questione #3: si rischia di fare ancora più confusione

Il vino è una categoria di consumo notoriamente confusa, con così tante marche e varietà e con una vasta gamma di prezzi. Il vino in lattina non è molto più semplice, a giudicare da alcuni scaffali di vendita al dettaglio che abbiamo analizzato. Ci sono diverse dimensioni di lattine, ad esempio, alcune sono vendute singole e altre in confezioni. Bisogna fare attenzione per sapere quanto vino si sta comprando e il suo costo unitario. In alcuni casi il vitigno compare sull’etichetta, ma più raramente rispetto al vino in bottiglia. E non credo di aver mai visto indicata la vendemmia anche se, come abbiamo detto, la data di confezionamento può essere più importante.

A chi interessa conoscere vitigno e annata?

Le cose potrebbero cambiare se la moda del vino in lattina di buona qualità prenderà piede. Spesso si trova l’indicazione vino rosso o bianco o rosato o spumante. Ma cosa c’è nella lattina, chiede Sue? Quale varietà o blend di uve è stato vinificato in rosso o bianco? Che cosa ci si deve aspettare quando si apre la lattina? A questo punto, suppongo che questi vini siano rivolti a consumatori che potrebbero ritenere superflue le informazioni sul blend e l’annata. Ma questo dovrebbe cambiare, a meno che il successo del vino in lattina non si fermi.

Qualche spunto per il futuro

Il vino in lattina non rivoluzionerà il mondo di Bacco, ma sembra avere il potenziale per evolverlo, o meglio, per spingerlo ad evolversi in modi che sono importanti per i consumatori di oggi. E per questo merita un paio di applausi. Perché non tre? Forse sono severo nelle mie valutazioni, ma sembra che sia ancora presto per il vino in lattina, e che ci siano ampi margini di miglioramento sotto diversi aspetti, compresa la qualità del prodotto. Penso che questo tipo di vino abbia il potenziale per crescere (e soddisfare un pubblico più ampio). Quando questo accadrà, sarò il primo a fare l’applauso finale.

Grazie a Danny Brager e Genevieve Aronson di Nielsen, Michelle Williams, Amber LeBeau e Robert Williams per le loro intuizioni sul vino in lattina. Per consultare ricerche di mercato aggiornate: WICresearch.com

Tag:

© Riproduzione riservata - 29/11/2019

Leggi anche ...

Ta’ Betta, i grands vins di Malta
Dal mondo
Ta’ Betta, i grands vins di Malta

Incontriamo la famiglia di Juanito Camilleri che, dopo Leggi tutto

Incontro con 6 produttori di Borgogna
Dal mondo
Incontro con 6 produttori di Borgogna

La Borgogna di Pellegrini. 6 produttori e 27 Leggi tutto

Cosa succede al vino italiano nel mercato Usa?
Dal mondo
Cosa succede al vino italiano nel mercato Usa?

Il vino italiano ha molto da offrire a Leggi tutto