Produzione vinicola mondiale 2015. L’Oiv fa il punto

Produzione vinicola mondiale 2015. L’Oiv fa il punto

L’Italia torna a essere il primo produttore mondiale di vino in quantità, con 48,9 milioni di ettolitri. Seguono la Francia e la Spagna, rispettivamente con 47,4 e 36,7 milioni di ettolitri. Lo dichiara l’ultimo rapporto dell’Oiv (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin) che per il nostro Paese registra nel 2015 un incremento del 10% rispetto al 2014, nel contesto di una produzione mondiale che ha toccato quota 275,7 milioni di ettolitri, pari a un +2% sulla vendemmia precedente.

Chi sale e chi scende nella produzione vinicola mondiale

In un contesto in cui l’Europa gioca ancora nel suo complesso la parte del leone con i suoi 118,1 milioni di ettolitri rispetto ai 48,4 dell’America, i dati di segno negativo interessano Argentina (-12,1%, pari a 13,4 milioni di ettolitri) Germania (-4% con 8,8 milioni di ettolitri) e Grecia (-9% con 2,7 milioni di ettolitri). E se buone risultano le performance degli Stati Uniti (22,1 milioni di ettolitri), il Cile segna un nuovo record: +22,6% con 12,9 milioni di ettolitri. Stabile, invece, da 3 anni, il mercato australiano (12 milioni di ettolitri) e neozelandese (2,4 milioni di ettolitri).

Quanto vino si beve nel mondo?

Per quanto riguarda il consumo di vino, l’Oiv offre una stima tra i 235,7 e i 248,4 milioni di ettolitri per tutto il mondo. E i mercati si vanno internazionalizzando. «Pertanto, in base alla differenza tra produzione e consumo nel 2015 abbiamo acquisito un equilibrio sul mercato» spiega Jean-Marie Aurand, direttore dell’Oiv. «La produzione del 2015 dovrebbe soddisfare sia il consumo sia la domanda di vini per fini industriali (brandy, aceto e vermouth)». 

Un anno roseo per i rosé

Una tendenza in crescita, anche nei consumi, è rappresentata dai rosé fermi che nel 2014 assommavano il 9,6% della produzione mondiale di vini fermi. Quattro i Paesi leader nella produzione con l’80%: la Francia (7,6 milioni  di ettolitri), Spagna (5,5 milioni di ettolitri), Stati Uniti (3,5 milioni di ettolitri) e Italia (2,5 milioni di ettolitri). Una scelta che ha una sua precisa ragione, dal momento che dal 2002 i consumi sono lievitati a 22,7 milioni di ettolitri, aumentando fino al 20%. I Paesi più amanti dei rosé fermi sono Francia e Stati Uniti, rispettivamente con 8,1 e 73,2 milioni di ettolitri. Situazione all’opposto per Italia, Spagna e Portogallo, che invece vedono un decremento negli acquisti. Ma il rosé in Europa piace, eccome: lo dimostra il boom a partire dal 2002 nei consumi in Svezia (750%) e in Inghilterra (250%). Un nuovo mercato è costituito da Hong Kong (250%). E cresce anche l’export, a quota 9,8 milioni di ettolitri nel 2014, stimolato da Paesi come Inghilterra, Olanda e Belgio. Una bottiglia su tre è rosé, e i giovani trainano i consumi.

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 03/11/2015

Leggi anche ...

Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale
Dal mondo
Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale

In un’edizione complicata dalle circostanze, l’Hong Kong Internationa Leggi tutto

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto