Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Oiv: il futuro del mercato globale in cinque punti

Oiv: il futuro del mercato globale in cinque punti

La globalizzazione dei consumi e il costante aumento dei Paesi produttori spingono il commercio vinicolo in direzione internazionale. E generano nuove sfide per organismi come l’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin, che deve regolamentare il settore favorendo una concorrenza leale fra nazioni e tutelando i consumatori (in foto, il direttore generale dell’Oiv Jean-Marie Aurand con il vicepresidente Yves Bénard). In questa prospettiva va letto il nuovo piano strategico quinquennale dell’Oiv, che delinea cinque concetti chiave per le attività fino al 2019.

SOSTENIBILITÀ – Il cambiamento climatico va affrontato proteggendo l’ambiente e ottimizzando l’uso delle risorse naturali.Saranno vagliati diversi metodi di produzione sostenibile in vigna e in cantina, analizzandone anche l’efficacia economica.

AUTENTICITÀ – L’obiettivo sarà definire categorie sempre più puntuali dei prodotti vitivinicoli, regolamentare una serie di buone pratiche enologiche e promuovere metodi di analisi che consentano il riconoscimento dell’autenticità dei prodotti.

ANALISI STATISTICA – L’Oiv sta sviluppando dei sistemi di scambio di dati e di analisi statistica per comprendere meglio le dinamiche dei mercati internazionali, ipotizzando su questa base l’evoluzione di nuove tendenze.

TUTELA DEL CONSUMATORE – La sicurezza sanitaria e gli aspetti fisiologici, nutrizionali e socio-comportamentali legati al consumo dei prodotti vitivinicoli sono sotto osservazione scientifica, soprattutto nel caso di tecnologie innovative. Altri temi caldi per la sicurezza del consumatore sono la tracciabilità del vino e l’etichettatura.

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE – In quanto organismo intergovernativo, l’Oiv stimola la partecipazione ai propri lavori da parte dei 46 Stati membri e degli osservatori, agevolando la produzione scientifica. L’obiettivo è incentivare il dialogo internazionale.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 10/02/2015

Leggi anche ...

Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale
Dal mondo
Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale

In un’edizione complicata dalle circostanze, l’Hong Kong Internationa Leggi tutto

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto