Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Nuovo vino Romanée Conti: sarà un Corton-Charlemagne biodinamico

Nuovo vino Romanée Conti: sarà un Corton-Charlemagne biodinamico

Grandi novità in cantina per il Domaine più esclusivo della Borgogna. Nella vendemmia 2019 il Domaine de la Romanée Conti darà alla luce un Corton-Charlemagne. Il nuovo vino Romanée Conti proviene da una parcella di Chardonnay della collina di Corton, di proprietà di Bonneau du Martray. Circa 2,8 ettari vitati condotti a regime biodinamico, che saranno presi in affitto dall’azienda di Vosne-Romanée a partire da novembre 2018, come confermato a Wine Spectator da Aubert de Villaine (co-direttore di Romanée Conti).

La filosofia biodinamica condivisa

Bonneau du Martray era in cerca di un investitore, a cui destinare una piccola porzione dei 10 ettari di proprietà sulla collina di Corton. Una scelta volta a concentrare il lavoro in vigna su un’area ridotta, ridimensionando la produzione della Cantina. Il tenutario ideale avrebbe dovuto condividere e rispettare la filosofia biodinamica di Bonneau du Martray. Spiega a Wine Spectator Armand de Maigret, manager della tenuta: «L’approccio biodinamico richiede un grande impegno, va seguito con attenzione perché sia efficace e si riesca a intervenire in condizioni avverse. Fare biodinamica “di precisione” a Corton-Charlemagne è molto laborioso: per questo abbiamo scelto di ridurre la superficie e dedicarci con tutta la cura necessaria alla restante parte dei vigneti».

La sfida di Romanée Conti: creare un grande Corton-Charlemagne

L’accordo, annunciato con entusiasmo da entrambe le aziende, estende la produzione di Romanée Conti alla collina di Corton e in Côte de Beaune. Nel 2008 il Domaine aveva giù stipulato un contratto d’affitto, con Domaine Prince Florent de Mérode, per produrre Corton dai climat Bressandes, Renardes e Clos du Roi. «Questa estensione conferma la nostra presenza in questa grande zona vinicola. La nostra nuova sfida sarà dar vita a un grande Corton-Charlemagne», ha raccontato de Villaine. Si tratta del secondo vino bianco per Romanée Conti, che già produce uno Chardonnay a Montrachet.

Il passaggio di proprietà di Bonneau du Martray

Bonneau du Martray è una storica Cantina di Pernand-Vergelesses. È stata per due secoli proprietà della famiglia Le Bault de la Morinière, fino a Jean-Charles Le Bault de la Morinière (dal 1994 al 2017) che ha operato la conversione biodinamica dei vigneti. La tenuta è stata acquisita un anno fa Stan Kroenke, magnate dell’edilizia e dello sport, proprietario di squadre di football (Los Angeles Rams), basket (Denver Nuggets) e hockey su ghiaccio (Colorado Avalanche), a anche delle aziende vinicole californiane Screaming Eagle, Jonata e The Hilt.

Tag: , , ,

Leggi anche ...

Il boom del Prosecco è sostenibile?
Dal mondo
Il boom del Prosecco è sostenibile?

Il boom del Prosecco è sostenibile? Oppure è Leggi tutto

Le leggi di Burgos. Sette parole chiave per il futuro del vino
I commenti di Alessandro Torcoli
Le leggi di Burgos. Sette parole chiave per il futuro del vino

Talvolta è utile guardare le cose da lontano Leggi tutto

Suggerimenti “sottobanco” all’esame da Master Sommelier. Ora è da rifare
Dal mondo
Suggerimenti “sottobanco” all’esame da Master Sommelier. Ora è da rifare

La Corte dei Master Sommelier Americas ha invalidato Leggi tutto