Dal mondo Dal mondo Aldo Fiordelli

La vite oltre il 50° parallelo

La vite oltre il 50° parallelo

Il cambiamento climatico consente a sempre più Paesi del Nord di impiantare vigne. Quelle riconosciute dalla Ue sono in Lussemburgo, Belgio, Olanda, Danimarca, Irlanda, Inghilterra e Polonia.

Ogni anno alla Bothy Vineyard in Oxfordshire si decide se produrre vini fermi o spumanti. Dipende dalla vendemmia. Basti ciò a intuire la difficoltà di fare vino in un clima oltre il limite. I grandi vini crescono perlopiù intorno al 45° parallelo. Qui troviamo l’incontro-scontro tra climi diversi o appunto quel limite che regala alle viti una “long growing season” in grado di conferire loro un’equilibrata maturità e tanta complessità.

I nuovi vigneti in Belgio, Irlanda e Polonia

Giusto per avere un grado di paragone prendiamo due regioni classiche che si trovano a latitudini già considerate estreme: la Puglia è al 40° parallelo, mentre la Loira al 47°. Sempre tra i classici troviamo più a nord il Rheingau al 49° parallelo e a sud dell’equatore Mendoza sotto il 30°. Eppure ormai si coltiva la vite oltre il 50° parallelo. Nel 1999 la Comunità europea ha riconosciuto vigneti a Lussemburgo, Belgio, Olanda, Danimarca, Irlanda e Inghilterra. Nell’ultima revisione del 2008 ha introdotto nel proprio portafoglio vigneti anche la Polonia.

Vigneti in Lussemburgo

Tra 10 anni avremo anche l’ulivo nel Regno Unito?

Tra i primi a dire che avremmo cominciato a coltivare la vite in Inghilterra fu Giampiero Maracchi, allora a capo del Lamma, l’istituto meteorologico del Cnr della Toscana. Già nei primi anni Duemila il professore, che forse molti ricorderanno per i collegamenti al Tg4, spiegò: «Fra 30 anni coltiveremo l’ulivo in Gran Bretagna». Dopo 20 anni all’ulivo non siamo ancora arrivati, ma con la vite gli inglesi cominciano a dire la loro in modo autorevole. “Siamo famosi nel mondo per la qualità dei vini importati. Ora è tempo di mostrare anche il meglio di casa nostra”, ha scritto Jancis Robinson MW. Agli appassionati e ai sommelier dei migliori ristoranti attenti alle novità non sarà sfuggito il brulicante stato d’animo intorno agli sparkling inglesi.

“Britagne” minerali, quasi taglienti

All’inizio erano stati ribattezzati Britagne con una crasi tra Champagne e Britain, poi l’orgoglio di Albione ha preferito mantenere un più istituzionale “English sparkling”. Con punte di eccellenza assoluta come Nyetimber. Si tratta di un Metodo Classico certo talvolta fin troppo tagliente e aggressivo in gioventù, perlopiù a base Chardonnay, più semplice da maturare, ma nell’insieme di grande mineralità e complessità. Anzi, anche a causa di qualche ultima annata in Champagne per clima o per stile dedicato ai nuovi mercati un po’ troppo tonda, i Britagne stanno emergendo con consistenza.
Il Sussex, la regione a sud della Gran Bretagna dove si coltiva la vite, così come l’Oxfordshire sono oltre il 51° parallelo.

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 1/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 29/03/2019

Leggi anche ...

Italia in testa al mondiale degli spumanti
Dal mondo
Italia in testa al mondiale degli spumanti

Con 15 medaglie d’oro, Ferrari merita il titolo Leggi tutto

La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare
Dal mondo
La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare

Che cosa sta succedendo alla Cina, che quest’anno Leggi tutto

André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda
Dal mondo
André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda

Nato in Russia, vissuto a lungo negli Usa, Leggi tutto