Dal mondo Dal mondo Alessandro Torcoli

In Napa Valley discutiamo di blend e di single vineyards

In Napa Valley discutiamo di blend e di single vineyards

E’ passata la prima giornata del #MNV13 che tradotto dal twitterese significa Master Napa Valley 2013. Siamo una quarantina, Master Sommelier, Master of Wine e aspiranti tali, come il sottoscritto. L’associazione dei vitivinicoltori della Napa ci ha invitati a scorprire in particolare due aspetti della zona: la diversità di suoli che sta all’origine delle emergenti sotto-denominazioni (purtroppo anche gli americani così marketing oriented sono caduti nel tranello dei questa orribile definizione “sub-appellation”), e il dinamismo di una comunità di produttori carichi di energia innovatrice. Basti pensare a ciò che hanno realizzato in 50 anni.

LE RAGIONI DELLE SUB-APPELLATION – Quanto alla diversità, si parte dal distretto di Los Carneros, all’imbocco della Valley, dove le influenze del Pacifico e delle nebbie della baia sono più evidenti, temperature più basse, ambiente borgognotto da Chardonnay e Pinot nero, si passa per Coombsville e Oakville, dal clima più mite e varietà tardive, piccola Bordeaux da Cabernet e confratelli, fino all’estremità a nord, Calistoga, decisamente clima caldo, da dove proviene ad esempio uno Zinfandel potente e concentrato, ottenuto da “dry farming”, cioè senza irrigazione. Estremo!

Il panorama vitato della Napa Valley

QUALI TENDENZE? TUTTE! – Se colpisce la varietà, dunque, non da meno è il dinamismo… Abbiamo ripassato in 12 ore tutti i possibili trend della viticolura e dell’enologia mondiale. Tanto per citarne alcune: l’estrema attenzione per l’ambiente (ormai da queste parti la maggior parte delle vigne sono certificate biologiche, le aziende cercano la sostenibilità energetica e in una abbiamo saputo che è stato assunto addirittura l’entomologo per gestire il vigneto a partire dall’ecosistema). Altra tendenza in atto, la valorizzazione del Cabernet franc, il fratello minore che ormai vediamo emergere anche in Italia, in Francia, eccetera. E ancora, tra i vigneron – termine non usato a sproposito, dato che il 95% delle Cantine qui sono piccole, a conduzione famliare – è acceso il dibattito sull’utilizzo del blend e sulla moda dei “single vineyard“, che come ha ricordato anche Jancis Robinson al recente talk-show di Cortina, è tendenza mondiale, ma non per questo non oggetto di interrogativi.

ETICHETTE DA RICORDARE – Tutto in queste nostre prime 12-18 ore in Napa. Domani (qui siamo 9 ore indietro) ci aspetta una giornata definita nel programma “Down&Dirty“, cioè si scende in vigna a sporcarsi le mani e le scarpe. Non vi lascio però senza segnalarvi almeno tre vini, sui 66 degustati sinora, che mi hanno emozionato:

  • Von Strasser Gruner Veltliner 2012 (a propostito di varietà…). Dal distretto Diamond Mountain. Vincitore di medaglie nella madre patria del vitigno, l’Austria. $ 35
  • Favia “Cerro Sur” Cabernet franc 2009. Da Coombsville, uno dei migliori franc in purezza mai assaggiati, fresco, floreale, con note terrose e finale di erbe aromatiche. La mente vola al Paleo rosso “nuovo corso” cioè 100% Cab franc, delle Macchiole. $ 145
  • Corison Winery Kronos Vineyard Cabernet Sauvignon 2005. Pefetta evoluzione, intenso, note di frutta (mirtillo e mora) ancora intense, profumi di tartufo e cannella, al palato vellutato con sensazioni leggermente tostate di cioccoloato e caffè. $ 150

Come risaputo, unica nota dolente, i prezzi in Napa sono sostenuti, evidentemente assorbiti dal mercato americano. Enjoy!

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 24/09/2013

Leggi anche ...

La Russia diventerà una potenza anche nel mondo del vino?
Dal mondo
La Russia diventerà una potenza anche nel mondo del vino?

La Russia ha il potenziale per diventare un Leggi tutto

Le Langhe arrivano a New York con il primo Barolo & Barbaresco World Opening
Dal mondo
Le Langhe arrivano a New York con il primo Barolo & Barbaresco World Opening

Il 4 e 5 febbraio la Grande Mela Leggi tutto

La Borgogna di Domaine Thibault Liger-Belair arriva in Italia con Allegrini
Dal mondo
La Borgogna di Domaine Thibault Liger-Belair arriva in Italia con Allegrini

Una bella novità per chi ama bere Borgogna. Leggi tutto