Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Le parole chiave del vino nei motori di ricerca

Le parole chiave del vino nei motori di ricerca

Nei Paesi del G7 il trend delle ricerche online dedicate al vino in generale (e al vino italiano in particolare) è in continua crescita. Ecco quali sono i cluster di ricerca più comuni sui motori di ricerca dai winelover in Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d’America.

Nelle ricerche Google il Prosecco è in pole position fra i vini/vitigni dello Stivale, subito seguito dallo Chardonnay. Questo si registra in tutti i Paesi del G7, eccezion fatta per il Giappone, dove l’importanza delle due keyword è invertita. Seguono Pinot grigio (in Uk e Usa), Cabernet Sauvignon (in Usa, Canada e Giappone), Ribolla gialla (in Italia) e Lambrusco (in Germania). In Germania cresce l’interesse per “come si fa il vino”, mentre in Giappone si cercano corsi per sommelier. Sono solo alcuni dei dati emersi nell’analisi condotta da Valentina Tortolini per ByTek, appartenente al gruppo Datrix, basata su dati e ricerche di utenti online correlate al prodotto “vino”.

A cosa serve analizzare le ricerche dei consumatori

Il periodo considerato va dal 2015 e al 2018 e analizza le parole chiave vino e vino italiano nei Paesi del G7. “Tramite lo studio delle ricerche degli utenti è possibile rispondere alle loro esigenze. Si scopre così che gli interessi dei francesi sono diversi da quelli dei giapponesi e che dicembre è il mese migliore per organizzare campagne di marketing in Paesi come il Canada o la Gran Bretagna”, spiega ByTek. Ricerche di questo tipo servono a studiare come i potenziali clienti cercano online il proprio prodotto, ottimizzando i contenuti e le campagne online in base alla stagionalità e all’area geografica di riferimento.

I trend delle ricerche on line sul vino nei Paesi del G7

Nel dettaglio, ecco cosa si cerca quando si scrive “vino” su Google nei Paesi del G7. In Francia le ricerche specifiche si concentrano a dicembre, con un interesse crescente per composizione e vitigno. In Germania non si nota una stagionalità, ma si registra una curiosità crescente per i vitigni, gli eventi e “come fare il vino”; quest’ultimo è un trend anche in Giappone. Le ricerche dei winelover tedeschi, giapponesi e statunitensi si concentrano nel cluster degli accessori, come anche in Gran Bretagna, dove si registra un’impennata a dicembre e trend in aumento per acquisti, eventi, giornali e guide. In Usa e Canada acquisti ed eventi subiscono un’impennata a dicembre, che si conferma “mese caldo” per il settore.

Tutti dicono Prosecco

In quasi tutti i Paesi del G7 il Prosecco si conferma vino/vitigno più cercato. L’interesse per il vino italiano è in crescita: in Francia le ricerche in tal senso vertono soprattutto su produttori, e sempre più verso fonti di informazione come magazine e guide, fra i trend di ricerca in ascesa anche nel Regno Unito. In Germania c’è un interesse crescente per gli acquisti, le Cantine e i vitigni. Anche negli Stati Uniti le ricerche su Google dedicate al vino italiano sono indirizzate a luoghi e produttori. In Giappone invece (unico Stato dove la varietà più ricercata è lo Chardonnay) ci si informa sulle regioni di produzione e i corsi da sommelier.

ricerche web vino in paesi g7

Cosa digitano i winelover italiani su Google?

In Italia il numero di ricerche medie annuali on line a tema vinicolo è molto più basso rispetto a Francia, Usa e Canada. Il trend di ricerca è comunque in forte crescita e non ha una stagionalità precisa. Ma quando gli italiani cercano il prodotto vino online, cosa cercano? Principalmente il nome del vino, poi in genere classifiche, produttori e tipologie. La maggior parte delle ricerche riguardano regione, tipologia e vitigno. Si registra però anche un interesse crescente per i cluster acquisto e produttore, in particolare se la ricerca verte sui prodotti vinicoli nazionali (per cui un altro trend in crescita riguarda l’abbinamento).

I produttori più cercati dagli italiani

Anche le ricerche in tal senso si concentrano sul Prosecco, e i cluster con elevati indici di crescita sono: nome, classifiche e informazioni. Le Cantine di Prosecco che suscitano più interesse sono Drusian, Soligo e Mionetto. Per quanto riguarda lo Chardonnay, invece, i cluster con elevati trend di crescita sono le classifiche, il nome in generale e le ricette; i produttori più cercati sono Banfi e Ca’ del Bosco. Nel caso della Ribolla gialla si cercano Cantine e prezzo. I marchi più seguiti sono gli iconici Bastianich e Livio Felluga.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 04/09/2019

Leggi anche ...

Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale
Dal mondo
Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale

In un’edizione complicata dalle circostanze, l’Hong Kong Internationa Leggi tutto

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto