Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Champagne in Villa: oggi alla Reggia di Monza

Champagne in Villa: oggi alla Reggia di Monza

Un pomeriggio dedicato alle bollicine d’Oltralpe in compagnia di cinque vigneron (e oltre 60 etichette). Il “perlage reale” è in degustazione oggi alla Villa Reale di Monza con Aspi (Associazione della sommellerie professionale italiana) fino alle ore 20.

“Champagne in Villa. Il perlage reale” è un imperdibile viaggio nel bicchiere dedicato gli amanti delle bollicine francesi. L’evento, organizzato da Aspi, è in programma oggi alla Villa Reale di Monza. Si comincia alle 14.30 con “I racconti dei vigneron: storie appassionate narrate dagli stessi produttori”: protagonisti sono Jacky Chaput, Corinne Falmet, Séverine Leboeuf, Marie Tassin e Marc Augustin. Il seminario è dedicato a stampa e professionisti, mentre alle 15.30 apre il banco d’assaggio aperto al pubblico, con oltre 60 Champagne in degustazione fino alle 20.

I racconti dei vigneron: 5 storie dalla Champagne

Dalle 14.30 alle 15.30 cinque vigneron champenois esprimeranno l’identità delle loro Maison. Conosceremo Jacky Chaput, ottava generazione dello Champagne Jacques Chaput: un’eccellenza della Côte des Bar. Corinne Falmet, figlia di Michel Falmet, da cui ha rilevato l’omonima cantina nel 2004. Séverine Leboeuf, moglie di Alain Leboeuf, vincitrice di numerosi premi e riconoscimenti. Marie Tassin, pronipote di Marcel Tassin, tra i primi produttori vinicoli della bassa Côte des Bar a diventare récoltant manipulant. E Marc Augustin, dell’omonima cantina, celebre biodinamico. In evidenza, le caratteristiche pedoclimatiche, gli uvaggi e i metodi di produzione che li distinguono.

In degustazione 60 Champagne

Il banco d’assaggio (dalle ore 15.30 alle 20) è aperto al pubblico al costo di 30 euro (ridotto a 20 euro per soci Aspi e 10 euro per studenti degli Istituti alberghieri). Sono in degustazione gli Champagne di Jacques Chaput, Christophe, Michel Falmet, Alain Leboeuf, Fumey-Tassin / Marie Tassin, Secondé-Simon Grand Cru, Lionel Benoit, Infinite 8, Proy-Goulard, Bernard Naudé, Florent Viard Premier Cru, Michel Marcoult, Marc Augustin, Léguillette Romelot, Bernard & Sebastien Bijotat, Gobillard, Emmanuel Guerin R.M., Barbier-Louvet R.M., Bernard Robert, Alexandre Penet, Waris Hubert, A.D. Coutelas, J. Henri Quenardel e Pommery.

Champagne in Villa: un patrimonio da degustare, capire, amare

«Non potevamo scegliere location diversa da questa per presentare il vino più elegante di tutti i tempi. E per descriverne l’identità, abbiamo voluto che a parlare fosse chi, ogni giorno, lavora per rendere ogni bottiglia speciale, come i cinque celebri vigneron champenois. Il lavoro necessario per la produzione di uno Champagne, infatti, richiede cura, sapienza, passione. È certosino, quasi maniacale, nei suoi passaggi. E il frutto di tale impegno si rivela fin dal primo calice. Ne sono testimonianza le storie dei protagonisti che si racconteranno nel corso dell’evento e le oltre 60 etichette che saranno proposte in assaggio: un patrimonio da degustare, capire e amare» è il commento di Giuseppe Vaccarini, Presidente Aspi.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 22/10/2018

Leggi anche ...

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto

Irrigazione sotterranea dei vigneti: in Nuova Zelanda funziona così
Dal mondo
Irrigazione sotterranea dei vigneti: in Nuova Zelanda funziona così

Come funziona l’irrigazione sotterranea dei vigneti? In Nuova Leggi tutto