Dal mondo Dal mondo Alessandro Torcoli

Leggendo la Borgogna di Favaro e Gravina

Leggendo la Borgogna di Favaro e Gravina

La Borgogna è una leggenda, talvolta circondata da un’aura fin troppo sacrale. Pare, infatti, che se non rientri nel novero degli inziati che sanno citarti a memoria i 1.247 climats borgognoni,  tu non possa essere considerato un serio conoscitore di cose vinicole. E poi la Borgogna sembra ad alcuni l’unico luogo al mondo dove nascono capolavori di finezza, equilibrio, profondità. In particolare, nell’Italia della tifoseria calcistica, è prassi fin troppo diffusa prendere un partito e dare la carica contro qualcun altro. Ecco che si levano quindi quotidianamente peana sulla Borgogna contadina e filippiche contro la pretenziosa Bordeaux, viva il Piemonte dei piccoli e abbasso la Toscana dei grandi, e così via.

 

 

“Vini e terre di Borgogna” va oltre il mito

Benvenuto al libro di Camillo Favaro e Gianpaolo Gravina: “Vini e terre di Borgogna“. Capace, tra gli altri pregi, di farci vedere una Borgogna normale, complessa e intrigante qual è, ma senza mitizzare nulla, anzi – pregio massimo – ricordando a chi ama o studia il vino, anche (e non solo) quello della Cȏte d’Or, che la Borgogna si estende a nord nell’inarrivabile grazia di Chablis e a sud nella generosa espressività del Mâconnais. Anzi la mia personale ammirazione per l’opera di Favaro e Gravina comincia proprio da qui, germinata ancor prima di ricevere questo bel volume.

Un italien nel Mâconnais. L’accurato lavoro di ricerca

Mi trovano infatti nel Beaujolais e un’amica collega studente Master of Wine, l’amerifrancese Kerrie de Boissieu, mi chiese se conoscevo l’italien che viveva da mesi nel Mâconnais per il suo libro sulla Borgogna e che, secondo Kerrie, sembrava davvero esperto della materia. L’uomo, infatti, era Giampaolo Gravina. Kerrie mi consigliava di incontrare anche l’italien con cui Gravina aveva passato molto tempo e che li aveva fatti conoscere, il proprietario dello Château des Rontets, Fabio Montrasi, architetto rapito dalla viticoltura a Fuissé, i cui vini – per inciso – sono ai vertici della sempre più appetita appellazione Pouilly-Fuissé. Una serie di coincidenze e di evidenze che, pur non conoscendo personalmente il Gravina, né il suo co-autore Favaro, mi convincevano per via empatica anche della validità dell’operazione.

Ecco la Borgogna di Favaro e Gravina

Ecco ora la mattonella sul tavolo: 550 pagine di testi, mappe e artistiche fotografie. L’assemblaggio del tutto ha un equilibrio raro nelle pubblicazioni del genere, a volte superficiali, altre poco digeribili. Il viaggio, per lo più, al netto di introduzioni e mappe, è un racconto di alcuni produttori della Borgogna “allargata” (200 Maison per 800 etichette). Scelti – anche loro – con senno, senza mai l’ombra di piaggerie e facili reverenze, e soprattutto raccontati nel particolare, per portarci all’universale della regione. Insomma, esempi veri e non icone manieriste.

La nuova edizione di “Vini e Terre di Borgogna” è disponibile in libreria e online esclusivamente qui (35 euro + spedizione).

Tag: , , , ,

Leggi anche ...

Le nostre uve oltremare soffrono di saudade
Dall'Italia
Le nostre uve oltremare soffrono di saudade

Non tutte le varietà di vite si adattano Leggi tutto

Il Dosaggio Zero di Paillard presentato a Milano in anteprima mondiale
I commenti di Alessandro Torcoli
Il Dosaggio Zero di Paillard presentato a Milano in anteprima mondiale

In anteprima mondiale, persino in anticipo sulla Francia, Leggi tutto

Il mitico Petrus diventa 20% colombiano
Dal mondo
Il mitico Petrus diventa 20% colombiano

La conferma è arrivata da Bordeaux: Château Pétrus Leggi tutto