Dal mondo Dal mondo Jessica Bordoni

Anfore vinarie in Britannia: trovati reperti di epoca pre-romana

Anfore vinarie in Britannia: trovati reperti di epoca pre-romana

Il cambiamento climatico e le innovazioni scientifiche ci proiettano verso il futuro della viticoltura e dell’enologia, ma anche le scoperte del passato si rivelano assai interessanti e preziose. L’ultima arriva dalla Gran Bretagna e più precisamente da un antico insediamento celtico della contea di Devon, nel sud-ovest dell’Inghilterra, dove sono stati rinvenuti dei frammenti di ceramiche romane, quasi certamente delle anfore usate per il trasporto di vino e olio.

Vino e olio in epoca pre-romana

I ritrovamenti, localizzati ad Ipplepen dagli archeologi dell’Università di Exeter, suggeriscono come nella Britannia di epoca pre-romana i collegamenti commerciali con l’Europa fossero più numerosi di quanto si è creduto finora e che anche il consumo di vino fosse verosimilmente più comune. Gli scavi sono partiti nel 2009 e il ritrovamento di monete, una porzione di strada, alcune fosse e un cimitero retrodata la presenza romana nel sito di qualche centinaio di anni rispetto all’occupazione romana della Britannia del I secolo d.C.

Anche i Celti bevevano vino?

Il professor Stephen Rippon dell’Università di Exeter ha spiegato: “Quando abbiamo iniziato a scavare, pensavamo che i ritrovamenti fossero legati al periodo della dominazione romana, ma le apparecchiature scientifiche hanno dimostrato che si trattava di un periodo antecedente. I reperti sembrano quindi indicare come i Celti avessero dei rapporti commerciali con il continente più intensi di quanto in precedenza era stato supposto e che gli antichi bretoni, o almeno la nobiltà, godevano di lussi come il vino e l’olio d’oliva”.

Un’ipotesi tutta da dimostrare

Tuttavia, il professor Rippon sottolinea come al momento non si possa escludere che le anfore raggiungessero la Bretannia senza olio e vino al loro interno, giacché la ceramica era considerata un materiale di grande valore. Secondo questa tesi, i resti di ceramiche pre-romane rivenuti in Bretannia sarebbero quindi oggetti di commercio al pari di monili e beni preziosi e non indicherebbero affatto la diffusione di una cultura del vino da parte dei popoli locali.

Il contatto con i Cartaginesi

I ritrovamenti di Ipplepen non sono i primi di questo genere, ma si rivelano particolarmente interessanti per la loro posizione così ad ovest dell’Inghilterra. La collocazione, unita alla scoperta di alcune monete, sembra suggerire contatti tra i Celti del Devon e i Cartaginesi, che allevavano la vite e bevevano vino.

 

In foto: il vallo di Adriano, imponente fortificazione in pietra che segnava il confine fra la provincia romana occupata della Britannia e la Caledonia. Fu edificato dall’imperatore romano Adriano nella prima metà del II secolo d.C.

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 21/09/2017

Leggi anche ...

Court of Master Sommeliers America: dopo lo scandalo sessuale arriva l’espulsione
Dal mondo
Court of Master Sommeliers America: dopo lo scandalo sessuale arriva l’espulsione

Leggi tutto

L’Italia trionfa agli Annual Wine Star Awards di Wine Enthusiast
Dal mondo
L’Italia trionfa agli Annual Wine Star Awards di Wine Enthusiast

Leggi tutto

Chi seguire sui social: Victoria James
Dal mondo
Chi seguire sui social: Victoria James

Leggi tutto