Dal mondo Dal mondo Anna Rainoldi

André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda

André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda

Nato in Russia, vissuto a lungo negli Usa, André Tchelistcheff è il primo tra tutti i “flying wine maker”. Il celebre enologo, padre di vini leggendari in Usa ed Europa (tra cui Ornellaia), è protagonista del film biografico “André – The voice of wine“, proiettato in anteprima nazionale a VinoVip Cortina 2019. Per partecipare clicca qui

André Tchelistcheff raduna in sé la scienza dell’enologia, la pazienza della viticoltura e l’arte della vinificazione. L’enologo russo-americano, scomparso nel 1994, ha lasciato un segno indelebile nel mondo del vino, creando etichette iconiche e sviluppando molte delle tecnologie ormai di routine in cantina. La fermentazione a freddo, l’uso di serbatoi in acciaio inox, la fermentazione malolattica controllata sono alcune delle innovazioni tecnologiche che Tchelistcheff mise a punto in Sonoma e Napa Valley. A questa figura straordinaria dal rocambolesco passato il nipote Mark Tchelistcheff, regista holliwoodiano, ha dedicato il suo ultimo film: “André – The voice of wine“, in prima visione nazionale il 15 luglio a VinoVip Cortina 2019. Sarà un’occasione unica per ricordare uno dei più grandi enologi del XX secolo, degustando alcuni dei capolavori in bottiglia a lui ispirati.

Andre_The_Voice_of _Wine_Poster_low_res170131
La locandina del film “André – The Voice of Wine”

André Tchelistcheff, una vita vissuta intensamente

“André – The voice of wine” è un viaggio cinematografico drammatico, illuminante, poetico e meraviglioso tra Russia, Europa e America. Sul grande schermo prende vita la storia di André Tchelistcheff, nato nel 1901 in una famiglia aristocratica di Mosca. Attraverso i suoi occhi viviamo la Russia imperiale fino allo sconvolgimento della guerra civile, a cui prende parte come tenente dell’Esercito Bianco; gli anni di studio universitario e lavoro in Cecoslovacchia, Ungheria, Jugoslavia e Francia; infine, il viaggio oltreoceano nel 1938 e la nuova vita in Napa Valley, piena di tragedie e successi.

Il Rinascimento del vino californiano

Fu in quegli anni che André Tchelistcheff, uomo umile animato dall’incontenibile passione per il suo mestiere, contribuì a risollevare le sorti dell’industria vinicola californiana dopo l’abrogazione del proibizionismo nel 1933, portandola all’apice qualitativo nella seconda metà del XX secolo. Fino al celebre “Giudizio di Parigi” del 1976, la competizione organizzata da Steven Spurrier nella Ville Lumière, dove Chardonnay e Cabernet Franc della Napa Valley degustati alla cieca ebbero la meglio sui campioni di Bordeaux. Un esito clamoroso che sconvolse il mondo del vino, ottenuto solo grazie all’operato di Tchelistcheff.

Teaser: guarda in anteprima

A ogni terroir i suoi vitigni

André è stato anche un pioniere nello studio della viticoltura, impegnato nella ricerca dei vitigni più adatti alle caratteristiche pedoclimatiche di ciascuna regione. Fu tra i primi a impiantare Pinot nero e Chardonnay a Carneros. Studiando il variegato terroir della Napa Valley, seppe identificare le aree in cui produrre Cabernet Sauvignon ai massimi livelli. Raccomandò di impiantare Pinot grigio in Oregon e Cabernet Sauvignon nello Stato di Washington. La sua filosofia di vita e il suo amore per il vino hanno influenzato generazioni di produttori in tutto il mondo: Louis Martini, Robert Mondavi, Joe Heitz, August Sebastiani, John Daniel, Mike Grgich, Richard Peterson, MaryAnn Graf, Warren Winiarski, Rob Davis, Michael Silacci, Mike McGrath, Jan Shrem, Rick Sayre, Marco Cappelli, Heidi Peterson Barrett, Jill Davis e tanti altri.

Mark Tchelistcheff, nipote e regista

Mark Tchelistcheff, autore di “André – The voice of wine(2017) e nipote dell’enologo, è regista, direttore della fotografia e produttore di film, documentari, spot pubblicitari e contenuti televisivi. Nel 2005 ha prodotto il lungometraggio “Conversations With Other Women” che è valso a Helena Bonham Carter il premio come miglior attrice al Tokyo International Film Festival e l’Evening Standard British Film Best Actress Award. Ha diretto numerosi spot e documentari per la tv internazionale, come la serie televisiva “Song To Soul” della Tokyo Broadcasting Systems, dedicata a icone della musica internazionale. Il suo “André – The voice of wine” ha debuttato nel 2017 nella selezione ufficiale di importanti festival cinematografici (tra cui Berlin International Film Festival, Sofia International Film Festival e Moscow International Film Festival).

A VinoVip 2019 “Una leggenda del nostro tempo: André Tchelistcheff”

Una leggenda del nostro tempo: André Tchelistcheff. L’anteprima nazionale del film “André – The voice of wine“, dedicato all’incredibile vita del celebre enologo consulente, è in programma a VinoVip Cortina 2019. La proiezione aprirà una esclusiva masterclass dedicata ad André Tchelistcheff lunedì 15 luglio dalle ore 9.30 al Grand Hotel Savoia (Sala Dolomia) di Cortina d’Ampezzo. L’ingresso a 30 € in prevendita qui comprende anche la degustazione di una selezione di vini creati dal celebre enologo, alcuni dei quali introvabili in Italia (non importati).

Il ricordo personale di chi l’ha conosciuto

Dopo la proiezione del film biografico, la figura del mitico enologo russo-americano sarà ricordata personalmente da Mark Tchelistcheff, con il contributo di alcune celebrità del settore vinicolo internazionale che l’hanno conosciuto “sul campo”, collaborando alla realizzazione di alcuni dei suoi vini-capolavoro. Interverranno a VinoVip Cortina 2019: Alessia Antinori, Giovanni Geddes da Filicaja, ad e ceo di Ornellaia e Masseto, e il wine consultant Gelasio Gaetani Lovatelli. Insieme a loro, direttamente dagli Usa, i produttori californiani Joel Aiken (Aiken Wines), Rob Davis (Jordan Winery) e Greg La Follette (Alquimista Cellars). Gran finale ai banchi d’assaggio, dove sarà possibile degustare i seguenti capolavori in bottiglia creati da Tchelistcheff in Italia e Oltreoceano.

I vini di Tchelistcheff in degustazione a VinoVip 2019

Aiken Wines
Cabernet Sauvignon Rutherford 2013
Pinot Noir Sonoma Mountain 2013

Alquimista Cellars
Van der Kamp Vineyard, Pinot Meunier Sonoma Mountain 2018
Mes Filles Vineyard, Chardonnay Russian River Valley Sonoma County 2017
Mes Filles Vineyard, Pinot Noir Russian River Valley Sonoma County 2016

Grgich Hills Estate
Chardonnay Napa Valley 2015
Cabernet Sauvignon Napa Valley 2015

Jordan Winery
Chardonnay Russian River Valley 2017
Cabernet Sauvignon Alexander Valley 2015
Cabernet Sauvignon Alexander Valley 2014

Ornellaia
Ornellaia, Bolgheri Superiore Doc 2015

Ste. Michelle Wine Estate
Col Solare, Cabernet Sauvignon Red Mountain 2014

Stag’s Leap Wine Cellars
Fay, Cabernet Sauvignon Napa Valley 2015

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 04/07/2019

Leggi anche ...

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto

Irrigazione sotterranea dei vigneti: in Nuova Zelanda funziona così
Dal mondo
Irrigazione sotterranea dei vigneti: in Nuova Zelanda funziona così

Come funziona l’irrigazione sotterranea dei vigneti? In Nuova Leggi tutto