Senza confini Senza confini Anita Franzon

Wine Paris & Vinexpo Paris 2023, le ambizioni di una fiera internazionale

Wine Paris & Vinexpo Paris 2023, le ambizioni di una fiera internazionale

Si è da poco conclusa la quarta edizione di Wine Paris & Vinexpo Paris, evento che punta a fare della Ville Lumière e delle sue calde atmosfere un punto di riferimento per il business vinicolo e degli spirits a livello globale. Dopo aver riaperto le danze, a febbraio 2022, ai grandi eventi del vino in presenza, la rassegna francese ora punta a nuovi record.

Le cifre del 2023 dimostrano, in effetti, un grande traguardo per la manifestazione che si è tenuta dal 13 e al 15 febbraio a Parigi accogliendo 3.387 espositori (20% di superficie e 25% di espositori internazionali in più rispetto al 2022) da 42 Paesi, per un totale di 36.334 visitatori (+41% rispetto al 2022).

Un evento sotto i riflettori

Godendo dell’alto patronato di Emmanuel Macron, presidente della Repubblica francese, Wine Paris & Vinexpo Paris ha ricevuto la visita di 3 ministri francesi e 15 ambasciatori. Il ministro francese dell’agricoltura e della sovranità alimentare Marc Fesneau è intervenuto alla cerimonia di apertura sottolineando come l’evento sia «una vetrina dell’eccellenza francese». Olivia Grégoire, ministro responsabile per le piccole e medie imprese, il commercio e il turismo, ha anche evidenziato il «successo di una manifestazione che riunisce gli operatori del vino in Francia e che mette in mostra l’eccellenza e l’antica competenza tramandata attraverso le generazioni».

Un anno fondamentale anche per gli spirits e per le masterclass

Il successo della tre giorni ha coinvolto anche l’area Be Spirits, che quest’anno ha occupato un padiglione appositamente dedicato al settore coprendo il 43% di superficie in più con il 44% di nuovi espositori rispetto al 2022. Diverse anche le masterclass e le tavole rotonde con oltre 3.000 partecipanti, oltre a concorsi e gare tra sommelier. Molto frequentati anche gli eventi “off” in giro per tutta la città grazie al coinvolgimento di 180 bar e ristoranti.

Non solo Francia

Ma lo spirito internazionale caratterizza sempre di più l’evento parigino, che vuole promuoversi come una casa del vino da tutto il mondo.Ai vini fuori dalla Francia è stato dedicato un intero padiglione e qui era presente, per la prima volta, anche uno stand di etichette californiane. Inoltre, degli oltre 30.000 visitatori, il 38% è arrivato dall’estero, in particolare da Belgio, Stati Uniti, Italia, Regno Unito e Germania: una percentuale che segna un altro successo tra gli obiettivi della fiera.

Appuntamento al 2024

Senza adagiarsi sugli allori, il gruppo Vinexposium, l’organizzatore di Wine Paris & Vinexpo Paris, ha già iniziato a preparare la prossima edizione; si svolgerà dal 12 al 14 febbraio 2024 e sarà sempre più internazionale.
«Questa edizione ha dimostrato che è possibile progettare una manifestazione con un programma sempre più ampio di eventi e prodotti che coniughi vino e gastronomia, business e calda atmosfera. Il successo funge da bussola per il team Vinexposium su tutta la linea. Ci incoraggia a spingere i limiti e a pensare ancora più in grande in modo da poter essere all’altezza della fiducia che è riposta in noi. Wine Paris & Vinexpo Paris è il punto d’incontro di un mondo in movimento la cui portata internazionale è in costante crescita», conclude il CEO di Vinexposium, Rodolphe Lameyse.

Foto di apertura: a Wine Paris & Vinexpo Paris sono arrivati 3.387 espositori da 42 Paesi

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 24/02/2023

Leggi anche ...

Come i cambiamenti climatici potrebbero ridisegnare la geografia del vino
Senza confini
Come i cambiamenti climatici potrebbero ridisegnare la geografia del vino

Leggi tutto

Bordeaux chiede un sistema di “giusta remunerazione”
Senza confini
Bordeaux chiede un sistema di “giusta remunerazione”

Leggi tutto

La fine dei dazi cinesi basterà a rianimare il mercato del vino australiano?
Senza confini
La fine dei dazi cinesi basterà a rianimare il mercato del vino australiano?

Leggi tutto