Liguria. Un racconto di viaggio da Ponente a Levante

Liguria. Un racconto di viaggio da Ponente a Levante

La nostra visita in questa terra enologica di nicchia, forse destinata a rimanere tale. Da Dolceacqua a Pornassio, fino alle Cinque Terre e alla Lunigiana, le aree storiche dei vini liguri dove si esprimono al meglio gli autoctoni Vermentino, Ormeasco, Rossese e Albarola.

La Liguria è una delle regioni vinicole più interessanti del mondo, eppure ancora così poco conosciuta e apprezzata. Se vi sembra esagerato pensate che vanta aree viticole storiche, come Dolceacqua, Pornassio, le Cinque Terre, la Lunigiana e quasi esclusivamente vitigni autoctoni, siano essi italici come il Vermentino, di confine come l’Ormeasco (Dolcetto) o il Rossese (il Tibouren francese) o propriamente indigeni come l’Abarola levantino o il Çimixa genovese. Tutto in un contesto spettacolare, col suo mare verticale e i muretti a secco, valli incontaminate sorvegliate dalle Alpi, borghi ritratti da Monet (Dolceacqua), teatri dell’antica Roma (Luni).

Tag: , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 18/08/2020

Leggi anche ...

Pasqua e i cru della Valpolicella orientale
Dall'Italia
Pasqua e i cru della Valpolicella orientale

Leggi tutto

Censimento delle Vecchie Vigne: la Liguria
Dall'Italia
Censimento delle Vecchie Vigne: la Liguria

Leggi tutto

Report WOW! 2021 Campania
Dall'Italia
Report WOW! 2021 Campania

Leggi tutto