In Italia In Italia Roger Sesto

Un passito per rilanciare la Malvasia nera di Brindisi

Un passito per rilanciare la Malvasia nera di Brindisi

«Il vitigno che prediligo è la Malvasia nera di Brindisi. Ne esalto l’habitus vegetativo, il portamento eretto che conferisce eleganza alla forma di allevamento praticata, la buona produttività e i suoi grappoli con acini tondeggianti, vellutati e perfetti». A parlare è Sergio Botrugno, dell’omonima Cantina di Brindisi.

Ormai da un ventennio la scelta aziendale di impiantare la cultivar su appezzamenti dedicati che ne facilitano la tracciabilità è dettata dall’obiettivo di produrre vini dal gusto internazionale, morbidi e vellutati, che vanno a porre fine a una distorta reputazione passata dei vini dolci della regione.

Malvasia nera di Brindisi

Botrus Passito, caldo e vinoso

Tutto ciò si traduce nel Botrus, Salento Rosso Passito Igt. Nasce da vigne ubicate nel comprensorio della Doc Brindisi, che rendono solo 40 q/ha di uva; si opera una prima vendemmia a metà ottobre pari al 50% del raccolto, il resto lo si porta in cantina dopo un mese di appassimento in vigna. Per un vino dai sentori di frutta secca e candita, dal gusto caldo, vinoso ed equilibrato.

Per conoscere gli altri autoctoni della Puglia clicca qui.
L’articolo sui vitigni autoctoni pugliesi prosegue su Civiltà del bere 6/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 08/01/2020

Leggi anche ...

Sicilia en Primeur, un format vincente che compie 20 anni
In Italia
Sicilia en Primeur, un format vincente che compie 20 anni

Leggi tutto

Iem, 25 anni in prima fila nella promozione del vino italiano
In Italia
Iem, 25 anni in prima fila nella promozione del vino italiano

Leggi tutto

Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”
In Italia
Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”

Leggi tutto