Wine business Wine business Jessica Bordoni

Toscana +13,5% nei primi nove mesi del 2011. E’ la prima regione per l’export

Toscana +13,5% nei primi nove mesi del 2011. E’ la prima regione per l’export

Segno più per il vino made in Tuscany nel mondo: gli ultimi dati Istat elaborati dall’agenzia Toscana Promozione registrano un aumento del 13,5% delle esportazioni nel periodo gennaio-settembre 2011, per un valore complessivo superiore ai 323 milioni di euro (contro i 285 milioni sui primi nove mesi del 2010). La Toscana si pone al primo posto tra le regioni italiane nel commercio enologico e il suo successo riguarda sia i rossi (+13,8%) sia i bianchi (+9,7%).

«L’export dei nostri vini cresce praticamente in ogni Paese e in soli due anni abbiamo ampiamente recuperato le quote di mercato perse durante la crisi del 2008-2009», spiega il direttore di Toscana Promozione Stefano Giovannelli. «Gli ultimi dati disponibili ci dicono che la regione si sta muovendo bene sul fronte della promozione. In particolare su quei mercati che fino a qualche anno fa non conoscevano le nostre produzioni e che oggi fanno registrare, invece, performance di crescita di tutto riguardo». Tra le dinamiche più importanti da segnalare, oltre al consolidamento delle vendite nei mercati storici quali Stati Uniti, Germania, Canada e Regno Unito, si notano le ottime performance di Cina e Brasile. «L’export di vini rossi verso il mercato cinese è  passato, in un anno, da 1,8 milioni di euro del 2010 ai 4,3 del 2011 mentre, per quanto riguarda i bianchi, la Cina è oggi il nostro terzo Paese di sbocco quando, nel 2007, era al decimo posto attirando l’11,3% delle nostre esportazioni di bianchi. Un boom che si lega alla grande attività di promozione e di divulgazione della cultura del vino che abbiamo svolto in questi e anni in collaborazione con Enoteca Italiana. Lo stesso vale per il Brasile, dove le vendite dei nostri rossi sono salite del 54%. Adesso dobbiamo proseguire su questa strada lavorando in stretta collaborazione con i Consorzi di Tutela e tutti i soggetti che in Toscana operano in questo campo».

Proprio in quest’ottica Toscana Promozione ha preventivato per il 2012 un investimento di circa 1,6 milioni di euro. Saranno 24 le iniziative organizzate nelle principali piazze internazionali con partecipazioni a fiere, road show e incoming. Si comincia il 16 e 17 febbraio, con l’evento Buy Wine, un workshop che coinvolgerà 200 buyer, metà italiani e gli altri dal resto del mondo, e 179 produttori toscani. Incontri one-to-one alla Stazione Leopolda di Firenze ma anche tour tra le più rinomate Cantine di Montalcino, Bolgheri, San Gimignano e Castiglione della Pescaia per i giornalisti della Federation Internationale des Journalistes et Ecrivains des Vins et Spiritueux curati dai  locali Consorzi di Tutela.

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 17/01/2012

Leggi anche ...

Le performance dell’agroalimentare nei primi mesi del 2024. Tra cali ed exploit
Premium
Le performance dell’agroalimentare nei primi mesi del 2024. Tra cali ed exploit

Leggi tutto

Cambi di poltrona: novità e conferme nel mondo del vino
Wine business
Cambi di poltrona: novità e conferme nel mondo del vino

Leggi tutto

Federvini, in 20 anni boom dell’export di vino italiano
Wine business
Federvini, in 20 anni boom dell’export di vino italiano

Leggi tutto