Dall'Italia Dall'Italia Anna Rainoldi

Tommasi arriva nel Chianti Classico con Fattoria La Massa

Tommasi arriva nel Chianti Classico con Fattoria La Massa

Tommasi nel Chianti Classico: è ufficiale. La storica famiglia dell’Amarone ha siglato un accordo di partnership con Fattoria La Massa di Panzano in Chianti.

Ieri è stato sottoscritto l’accordo che sancisce l’ingresso di Tommasi Family Estates nel territorio del Chianti Classico. Prevede la partecipazione con quote di proprietà nell’azienda Fattoria La Massa, insieme al fondatore Giampaolo Motta ed Ermen Minari, imprenditore del settore logistica meccanica.

Tommasi nel Chianti Classico (e non solo)

«Conosciamo Giampaolo Motta da alcuni anni e da sempre nutriamo profonda stima e rispetto per quanto ha realizzato fino ad ora con Fattoria La Massa», ha spiegato Dario Tommasi, presidente di Tommasi Family Estates. Con questa partnership si amplia il progetto Toscana di Tommasi, iniziato nel 1997 con Poggio al Tufo in Maremma Toscana, a Pitigliano e Scansano, e proseguito poi nel 2015 con l’acquisizione a Montalcino di Podere Casisano, dedicato esclusivamente alla produzione di Brunello. In tutto, oggi, 200 ettari vitati.

Stile bordolese nella Conca d’Oro di Panzano

Fondata nel 1992, Fattoria La Massa sorge nel cru Conca d’Oro a Panzano in Chianti, dove si estende per 45 ettari (di cui 27 vitati). I vigneti di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Alicante Bouschet e Petit Verdot si trovano a un’altitudine media di 360 metri: 18 ettari hanno un’età media dai 25 ai 30 anni, mentre i 9 ettari restanti sono nuovi impianti degli ultimi 5 anni. La cantina firmata dall’architetto Mazieres (lo stesso di Chateaux Latour, Petrus e Mouton Rothschild) si sviluppa su una superficie di circa 2.200 metri quadri. Stile bordolese anche per le tecniche di vinificazione, dotate delle migliori tecnologie. La produzione annua è di circa 140 mila bottiglie, per un fatturato complessivo di circa 1,3 milioni di euro.

Il futuro di Fattoria La Massa

I vini prodotti sono tre: La Massa (blend di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Alicante), il Sangiovese in purezza Carla6 e il GiorgioPrimo, vino bandiera della tenuta. Un taglio bordolese (Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot) dalle migliori parcelle, elevato in barrique per 18 mesi. «Con il nostro intervento garantiamo la possibilità di maggiori investimenti, prima di tutto in vigna, con nuovi impianti di cloni particolari, su cui lo stesso Giampaolo Motta ha già fatto studi e ricerche approfondite», spiega Tommasi.«La nostra struttura commerciale e organizzazione permetteranno inoltre di allargare i mercati e portare i vini e la filosofia di Fattoria La Massa in tutto il mondo».

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 24/11/2018

Leggi anche ...

Milano Wine Week: tutto pronto per la IV edizione
Dall'Italia
Milano Wine Week: tutto pronto per la IV edizione

Leggi tutto

Santa Margherita: la capsule collection del Pinot grigio Impronta del Fondatore
Dall'Italia
Santa Margherita: la capsule collection del Pinot grigio Impronta del Fondatore

Leggi tutto

Castello di Fonterutoli oltre le Uga: punta sui cru
Dall'Italia
Castello di Fonterutoli oltre le Uga: punta sui cru

Leggi tutto