Tenuta San Leonardo: il taglio bordolese che viene dal Trentino

Tenuta San Leonardo: il taglio bordolese che viene dal Trentino

Tenuta San Leonardo è fra i produttori che negli ultimi tre anni hanno ricevuto il massimo punteggio per i loro vini da almeno tre Guide enologiche nazionali. Li abbiamo chiamati Maestri dell’eccellenza, premiando la loro costanza qualitativa. L’elenco completo è sul Top delle guide vini 2020.

Più di mille anni fa la Tenuta San Leonardo era un monastero. Da oltre tre secoli è la residenza dei marchesi Guerrieri Gonzaga, che custodiscono il suo “giardino di vigne e rose” incastonato nella valle dell’Adige tra le pendici del monte Baldo e dei monti Lessini. La superficie si estende per 300 ettari, di cui 30 a vigneto a conduzione biologica. Il Merlot cresce su terreni ricchi di ciottoli, un tempo il letto di una diramazione dell’Adige, mentre il suolo destinato a Cabernet Sauvignon e Carmenère è di natura prevalentemente sabbiosa. Proprio dall’unione di queste uve internazionali nasce il celebre taglio bordolese di montagna che porta il nome aziendale: il San Leonardo.

Carlo e Anselmo Guerrieri Gonzaga

Il miglior vino del 2020: San Leonardo, Vigneti delle Dolomiti Rosso Igt 2015

Le Guide 2020 hanno osannato il San Leonardo, Vigneti delle Dolomiti Rosso Igt 2015, che si è distinto per freschezza, armonia e aristocratica eleganza. «Le fermentazioni avvengono spontaneamente, senza alcun lievito selezionato. Le diverse varietà sono vinificate separatamente in piccole vasche di cemento per 15-18 giorni con rimontaggi giornalieri e délestage», spiega Anselmo Guerrieri Gonzaga, al timone con il padre Carlo. «Le partite maturano in tini di cemento per 10 mesi, poi altri 18-24 mesi in barrique di rovere francese di I, II e III passaggio. Segue l’assemblaggio e un periodo di almeno 20 mesi in bottiglia. Siamo molto soddisfatti di questo millesimo, che ha davanti a sé un futuro più che trentennale».

San Leonardo, Vigneti delle Dolomiti Rosso Igt 2015

60% Cabernet Sauvignon, 30% Carmenère e 10% Merlot: è questa la “formula magica” di un vino iconico, che nasce da piante tra i 20 e i 50 anni. A fare la differenza, a detta degli stessi marchesi, è la presenza del Carmenère.

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 1/2020. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 20/04/2020

Leggi anche ...

Sound Sommelier vol. 12, il vino si può ascoltare
Dall'Italia
Sound Sommelier vol. 12, il vino si può ascoltare

Il vino? Si può ascoltare. Paolo Scarpellini (class Leggi tutto

Rossi leggeri e bollicine i più amati nel post Covid
Dall'Italia
Rossi leggeri e bollicine i più amati nel post Covid

Dopo la riapertura dei suoi 18 negozi, avvenuta Leggi tutto

Paillard Blanc de Blancs 2012 in anteprima
Dall'Italia
Paillard Blanc de Blancs 2012 in anteprima

Alice Paillard presenta il nuovo Blanc de Blancs Leggi tutto