Tai Doc: in tre anni puntiamo a un imbottigliato che arrivi al 40%

Tai Doc: in tre anni puntiamo a un imbottigliato che arrivi al 40%

Chiusura sotto auspici positivi per il progetto di promozione dei  Tai Rosso Doc dei Colli Berici, Tai Doc e Lison Docg promosso dalla Regione del Veneto per sostenere i produttori dopo il cambio del nome da Tocai a Tai. Soddisfatto Carlo Favero, direttore del Consorzio Vini Venezia, che nel corso della presentazione ufficiale la scorsa settimana all’Harry’s Bar a Venezia, ha sottolineato i risultati raggiunti in particolare con lo stand di promozione allestito all’aeroporto Marco Polo di Venezia da giugno 2010 ad aprile 2011: “Abbiamo ottenuto circa 37.000 contatti qualificati che hanno effettuato degustazioni con sommelier con 26 vini di 24 aziende, circa il 40% erano stranieri”. Presenti all’evento anche i consorzi di tutela che hanno fatto squadra per difendere e valorizzare le peculiarità dell’autoctono italiano.  “È stata un’opportunità importante per i Colli Berici – commenta Federico Tassoni, presidente del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza – dove il confronto con il pubblico e la critica enogastronomica ha creato nuova consapevolezza nei produttori. Oggi

Grappoli Tai Rosso

Grappoli di Tai Rosso

possiamo affermare con certezza che il cambio del nome da Tocai a Tai non è stato un fattore critico, bensì motore di rilancio per un vino che sta diventando sempre più emblema di un intero territorio e che può essere orgogliosamente proposto al di fuori di esso”. “Il merito di questo progetto è di aver dato al sistema Colli Berici Doc impulso e coraggio per investire sul Tai rosso, vitigno e vino identitario della zona, nelle versioni sia tradizionale che riserva” aggiunge Andrea Monico, direttore Consorzio Tutela Colli Berici Doc. E ci anticipa: “Nell’ambito dell’obiettivo generale della denominazione che, nel giro di 3 anni punta ad aumentare l’imbottigliato fino al 40%, vorremmo incrementare i volumi di produzione di Tai rosso del 25% in due anni”. Imminente inoltre la pubblicazione di un libro sul Tai che riprende il concetto di vini nuovi da vitigni antichi, al centro del progetto di promozione, edito da Bacco e Arianna con testi di Attilio Scienza, Antonio Calò, Diego Tommasi e presentazione di Luciano Benetton e curati da Bepi Pucciarelli. “Questo progetto non solo ha dimostrato le potenzialità del sistema Tai ma ha anche evidenziato l’interesse del mercato per prodotti autoctoni legati al territorio do provenienza e con una precisa identità, con un buon rapporto qualità/prezzo. Ora che il Tai ha fatto sistema tocca alla comunicazione rilanciarlo su ampia scala” conclude il prof. Vasco Boatto, direttore Cirve dell’Università di Padova.

 

Tag:

© Riproduzione riservata - 20/12/2011

Leggi anche ...

Non si vive di solo export
Dall'Italia
Non si vive di solo export

Leggi tutto

Arriva Vinophila, l’expo 3D digitale per il mondo del vino
Wine business
Arriva Vinophila, l’expo 3D digitale per il mondo del vino

Leggi tutto

Grandi Degustazioni Ice in Canada, si festeggiano i 25 anni
Dal mondo
Grandi Degustazioni Ice in Canada, si festeggiano i 25 anni

Leggi tutto