Wine business Wine business

“Stando uniti si è più forti”. Le voci di Gardini e Vallarino Gancia

“Stando uniti si è più forti”. Le voci di Gardini e Vallarino Gancia

Domenica 24 e lunedì 25, gli italiani andranno alle urne per rinnovare il Parlamento e alcune giunte regionali. Abbiamo chiesto a influenti personalità che ricoprono ruoli importanti in ambito vitivinicolo di approfittare dell’occasione per dirci quale, a parer loro, dovrebbe essere il primo provvedimento da segnare nell’agenda del futuro ministro delle Politiche agricole. In buona sostanza, se fossero proprio loro i prossimi responsabili del dicastero su quali questioni accenderebbero i riflettori? Abbiamo intervistato in merito Piero Antinori, presidente dell’Istituto Grandi Marchi, Ettore Nicoletto, presidente del Consorzio Italia del Vino, e Mario Guidi presidente di Confagricoltura; ora è la volta di Maurizio Gardini, presidente di Fedagri Confcooperative, e Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini.

Maurizio Gardini, presidente di Fedagri Confcooperative

GARDINI: CONCENTRARE L’OFFERTA – Mettere l’agricoltura al centro non basta. Perché questo comparto pesi davvero nella nostra economia è necessario fare sistema. Serve essere uniti per ridare linfa ai nostri consumi interni e per sapersi proporre in maniera compatta all’estero, come ha sottolineato Maurizio Gardini (Fedagri Confcooperative). «Uno dei primi elementi di sfida sarà costituire modelli aggregativi in grado di poter realmente presidiare i mercati internazionali. Da ministro, pertanto, proporrei e avvallerei ogni misura volta a favorire e incrementare la concentrazione dell’offerta. Ma per fare questo occorre organizzarsi e strutturarsi. Il tessuto imprenditoriale del nostro comparto, pur capace di produrre qualità eccellente riconosciuta e apprezzata in ogni parte del mondo, è ancora troppo fragile e frammentato». Il presidente ha le idee chiare: «Le nostre aziende hanno una sola strada davanti: puntare sui mercati che crescono; esportare diventerà sempre di più una necessità».

Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini

VALLARINO GANCIA: SAPER COMUNICARE LA NOSTRA ARTICOLAZIONE TERRITORIALE – Più coesione, iniziative collettive e immagine unitaria sono ciò che anche Lamberto Vallarino Gancia (Federvini) ritiene fondamentale per il settore all’estero. Le sue osservazioni partono però da un problema interno e cioè la frammentazione. «Le nostre tantissime indicazioni geografiche e le denominazioni di origine, oltre che una non sempre coerente scala di valori tra le due, meritano una riflessione importante. Servono strumenti normativi che agevolino la composizione o l’aggregazione della produzione e introducano delle semplificazioni in sede di presentazione», ha detto. Veniamo ora alle ripercussioni sull’estero: «La  grandissima varietà che ci rende più flessibili nell’intercettare le tante sfumature di gusto dei consumatori dei mercati di tutto il mondo, non ci rende altrettanto competitivi. Non è semplice spiegare la nostra così frastagliata articolazione territoriale».

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 22/02/2013

Leggi anche ...

Due chiacchiere con Andreas Kofler, neo presidente Consorzio Vini Alto Adige
Dall'Italia
Due chiacchiere con Andreas Kofler, neo presidente Consorzio Vini Alto Adige

Mercato interno, export, sostenibilità ambientale, Agenda 2030, denominazion Leggi tutto

Nuovo record del Prosecco Doc: nel 2020 raggiunte 500 milioni di bottiglie
Dall'Italia
Nuovo record del Prosecco Doc: nel 2020 raggiunte 500 milioni di bottiglie

Quando si dice avere i numeri. Nell’annus horribilis Leggi tutto

Europa, Brexit, Usa: il punto della situazione
Dal mondo
Europa, Brexit, Usa: il punto della situazione

Le novità per il commercio di vino europeo Leggi tutto