Wine business Wine business Anna Rainoldi

Simply Italian Great Wines Americas Tour. Si parte oggi con il Canada

Simply Italian Great Wines Americas Tour. Si parte oggi con il Canada

I grandi vini dello Stivale approdano a Toronto. Oggi al museo di Belle Arti AGO – Art Gallery of Ontario ricomincia il tour americano dell’evento firmato Iem (International Exhibition Management), che in questa quinta edizione tocca per la prima volta terra canadese. Protagoniste di questa tappa del Simply Italian Great Wines sono oltre 50 aziende italiane (leggi la lista completa) insieme a Federdoc, Uvive (Unione Consorzi Vini Veneti Doc), la Camera di Commercio di Udine, il Consorzio Tutela del Vino Friuli Grave e IWSP (Italian Wine Style and Promotion). E poi si prosegue a Miami per la seconda tappa mercoledì 11 febbraio (ecco quali Cantine parteciperanno), insieme a cinque tra i ristoranti italiani più famosi della città: Toscana Divino, Via Verdi, Bocce, Vero Italian e Salumeria 104.

ago-art-gallery-ontario

L’AGO – Art Gallery of Ontario, dove si svolge la tappa canadese del Simply Italian Americas Tour

MASTERCLASS E PREMI – Entrambi gli appuntamenti ospitano interessanti masterclass tenute da Michael Fagan (wine expert di fama internazionale) a Toronto, dal giornalista Lyn Farmer e dal noto “palato” Charlie Arturaola a Miami. La seconda tappa dell’11 febbraio (all’Adrienne Arsht Center di Miami, il secondo centro di arti e spettacolo degli Stati Uniti) vedrà anche la consegna dei premi Simply the Best, destinati agli ambasciatori dell’eccellenza enogastronomica italiana negli Usa.

CANADA: UNA DECISIONE STRATEGICA – «La scelta del Canada è stata determinata dalla costante crescita dell’importanza del vino italiano su questo mercato governato dai monopoli» spiega Giancarlo Voglino, Managing Director di Iem: «Il Canada si colloca infatti al quarto posto tra i principali importatori di vino al mondo ed è uno dei mercati in cui il prodotto enologico italiano ha conosciuto la crescita maggiore negli ultimi anni, arrivando a conquistare il 20% della quota di mercato di importazione di vino in valore e il 17% in volume». Per approfondire il tema dei monopoli, leggi l’articolo dedicato su Civiltà del bere gennaio-febbraio 2015.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 09/02/2015

Leggi anche ...

Masi Agricola entra a far parte del Consortium dell’Oiv
Senza confini
Masi Agricola entra a far parte del Consortium dell’Oiv

Leggi tutto

Marchesi Frescobaldi acquisisce Domaine Roy & fils in Oregon
Wine business
Marchesi Frescobaldi acquisisce Domaine Roy & fils in Oregon

Leggi tutto

Cambi di poltrona: le ultime nomine estive
Wine business
Cambi di poltrona: le ultime nomine estive

Leggi tutto