Report WOW! 2021 Friuli Venezia Giulia

Report WOW! 2021 Friuli Venezia Giulia

Stiamo lavorando a WOW! 2021 ormai dallo scorso marzo. Per la prima volta, abbiamo deciso di focalizzare l’attenzione sulle singole regioni, per comprendere l’evoluzione stilistica e l’andamento delle annate all’interno delle stesse. Cominciamo con il Friuli Venezia Giulia, di cui annunciamo qui in anteprima i vini che hanno meritato la medaglia d’oro.

La nostra è una competizione enologica, quindi si giudicano solamente vini iscritti senza pretesa di esaustività; il numero di campioni è molto variabile a seconda delle circostanze ma quest’anno siamo molto felici del successo di WOW! che sino ad ora (e stiamo ancora accettando le iscrizioni) ha visto un incremento del 27%. Un successo ottenuto anche grazie alla proposta di suddividere le sessioni di degustazioni per aree territoriali, con report dedicati come questo (leggi tutti i report regionali di WOW! 2021).
Tale suddivisione ha permesso ai produttori vinicoli di iscrivere i vini in tempi più comodi, attendendo gli imbottigliamenti che – particolarmente quest’anno – sono stati posticipati da molti.

Le percentuali del Friuli Venezia Giulia

Dunque, cominciamo con un breve rapporto dedicato al Friuli Venezia Giulia, di cui annunciamo qui in anteprima i vini che hanno meritato la medaglia d’oro: su 66 campioni dalla regione più orientale d’Italia, il 27% ha ottenuto il massimo punteggio. Non male. D’altronde molti campioni sono giunti dalle prestigiose terre del Collio e dei Colli Orientali, pur non essendo queste le uniche zone d’origine di vini risultati davvero eccellenti.

Bianchi, tra monovarietali e blend

Inoltre, l’annata 2020, alla quale appartiene la maggior parte dei bianchi, si conferma buona, in particolare per l’espressione aromatica. Tra i vitigni, il Friulano nelle zone più vocate si è confermato un grande interprete del territorio, anche se nella sua delicatezza, talvolta si è espresso in maniera meno incisiva. In generale, conferma la sua eleganza con le sue note di fieno e mandorla. Tra le uve più amate in Friuli, il Sauvignon ha dato risultati altalenanti, talvolta molto caratteristico, con espressione giustamente agrumata e corpo pieno, in altri casi con eccessi di “pompelmo” e scarsa personalità anche al palato. Un plauso ai blend (con e senza uve internazionali) che, quando sono ben dosati, esprimono lo stile sinfonico, deciso, profondo della regione nelle sue zone più vocate.

Tra i rossi emergono gli autoctoni

Tra i rossi, il Pignolo e lo Schioppettino si confermano autoctoni molto interessanti, identitari, riservati ai vini da lungo invecchiamento. D’altro canto, alcuni blend in cui è protagonista il Refosco – che in solitaria spesso è interessante, con le sue note erbacee che portano la mente a Nordest – non sono parsi molto convincenti. Il Pinot nero, notoriamente difficile in alcuni siti è risultato un po’ banale, senza la grazia che sa renderlo grande, quando è grande.

Meritano anche i naturali

Infine, una nota sull’onda naturale, e biodinamica, che avanza: abbiamo trovato vini sempre più espressivi e tipici, segno evidente – finalmente – di una cura particolare dedicata alla trasformazione anche di questi prodotti, in passato spesso lasciati forse un po’ troppo al caso, con la scusa della naturalità.


WOW! 2021 Friuli Venezia Giulia
Le nostre 18 medaglie d’oro

Vini bianchi

Antonutti
Bertrando, Friuli Doc 2018

Aquila del Torre
At, Friuli Colli Orientali Friulano Doc 2019
At, Friuli Colli Orientali Riesling Doc 2018

Castelvecchio
Carso Malvasia Doc 2020

Colmello di Grotta
Collio Sauvignon Doc 2018

Livon
Cavezzo, Collio Pinot bianco Doc 2018

Ronco dei Pini
Friuli Pinot grigio Doc 2019

Scubla
Friuli Colli Orientali Pinot bianco Doc 2020

Specogna
Identità, Friuli Colli Orientali Bianco Doc 2018

Torre Rosazza
Friuli Colli Orientali Friulano Doc 2020

Venica & Venica
Pètris, Collio Malvasia Doc 2019
Ronco delle Mele, Collio Sauvignon Doc 2020
Tàlis, Collio Pinot bianco Doc 2019

Vini rossi

Ronco dei Pini
Friuli Schioppettino di Prepotto Doc 2018

Sant’Elena
Friuli Isonzo Pignolo Doc 2013

Specogna
Oltre, Friuli Colli Orientali Rosso Doc 2017

Zorzettig
Myò Vigneti di Spessa, Friuli Colli Orientali Pignolo Doc 2015

Vini dolci

Lis Neris
Tal Lùc Cuvèe 5.6

Per leggere tutti i Report regionali WOW! 2021 clicca qui+

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 06/07/2021

Leggi anche ...

Gli interpreti del vino naturale in Calabria
Dall'Italia
Gli interpreti del vino naturale in Calabria

Leggi tutto

I ristoranti delle Cantine: l’Osteria Perillà di Podere Forte
Dall'Italia
I ristoranti delle Cantine: l’Osteria Perillà di Podere Forte

Leggi tutto

Pasqua e i cru della Valpolicella orientale
Dall'Italia
Pasqua e i cru della Valpolicella orientale

Leggi tutto