Previsioni vinicole 2016: cresce il consumo mondiale e piacciono sempre più i rossi

Previsioni vinicole 2016: cresce il consumo mondiale e piacciono sempre più i rossi

Nel 2016 berremo 34.481 miliardi di bottiglie, con un aumento del +5,3% negli ultimi cinque anni. Lo dicono i dati dell’International Wine and Spirits Research (The Iwsr) anticipati da Vinexpo e che saranno presentati a Bordeaux dal 16 al 20 giugno. La spinta sarebbe dovuta principalmente agli spazi espansivi dell’export e ai forti tassi di crescita delle economie emergenti.

ITALIA: -4-9% I CONSUMI INTERNI MA TENGONO I DOP – Per quanto riguarda i consumi interni in Italia, Vinexpo precisa che questi sono diminuiti del -2,5% dal 2007 al 2011. E aggiunge che il decremento dovrebbe accelerare e segnare un taglio ulteriore del -4,9% sull’arco 2012-2016. Come dire che, dal -0,6% medio annuo accusato lo scorso quadriennio, il calo sta passando al -1,2%: il doppio. In questo contesto cedente, tuttavia, Vinexpo prevede che il consumo italiano di vini oltre i dieci dollari (7,50 euro) a bottiglia crescerà del +23,2% nel periodo 2011-2016. Mentre quello della fascia tra i 5 e i 10 dollari dovrebbe mettere a segno in parallelo un +13,5%.

L’EXPORT RALLENTA LA SUA CRESCITA – Intanto, sul fronte dell’export, la dinamica italiana 2012 sta rallentando. Il totale in valuta dei primi 9 mesi 2012 (periodo sufficiente per capire con ottima approssimazione le tendenze di fine anno) raggiunge i 3.445 milioni di euro e aumenta del +7,5%, contro il +12% del consuntivo 2011. Il gap si attenua, tuttavia, sul fronte dei Dop. Nel gennaio-settembre 2012 essi raggiungono la quota 1.271,8 milioni, con un +7,1% sullo stesso periodo 2011 e con la perdita di un solo punto rispetto al +8,1% del 2011. I Dop rossi e rosati si comportano meglio: superano i 938 milioni, con un +7,6%, mentre i Dop bianchi si fermano a 333 milioni, con un +5,8%.

IL MONDO PREFERISCE I VINI DI QUALITÀ E ROSSI – Va sottolineato che queste tendenze non sono atipiche, ma si saldano con le rilevazioni a livello mondiale di Vinexpo. Le quali dicono che la dinamica espansiva in atto sui mercati mondiali privilegia proprio i vini di qualità, nella fascia di prezzi alla bottiglia oltre la soglia dei 10 dollari (assimilabile ai Dop). I Paesi che “tirano” di più, su questo fronte, sono Cina, Usa e Canada. Il vino francese, d’altra parte, sembra essere quello che cavalca meglio questa tendenza, mentre per italiani e spagnoli il fatturato all’esportazione cresce meno velocemente rispetto alle vendite in volume e segna quindi perdite dei valori unitari. Va aggiunto che il vino rosso continua dominare in modo sempre più evidente i consumi mondiali. Nel 2011 esso ha rappresentato il 54,7% dei consumi di vini fermi, mentre sull’arco 2011-2016 esso dovrebbe registrare una crescita del +9,1%, grazie soprattutto alla Cina. I vini bianchi, in parallelo, dovrebbero crescere solo del +2,7%.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 11/04/2013

Leggi anche ...

Lo studio di Management DiVino sui bilanci delle nostre Cantine
Wine business
Lo studio di Management DiVino sui bilanci delle nostre Cantine

Leggi tutto

Nuove acquisizioni, dal Friuli alla Puglia, passando per Toscana e Marche
Dall'Italia
Nuove acquisizioni, dal Friuli alla Puglia, passando per Toscana e Marche

Leggi tutto

Il vino in lattina conquista i giovani francesi
Dal mondo
Il vino in lattina conquista i giovani francesi

Leggi tutto