In Italia In Italia Jessica Bordoni

Cosa ribolle in Cantina? Una panoramica sulle ultime novità di gamma

Cosa ribolle in Cantina? Una panoramica sulle ultime novità di gamma

Una rubrica per restare aggiornati sulle new entry aziendali, che la redazione ha avuto modo di degustare di recente. Nella maggior parte dei casi si tratta di referenze al loro debutto assoluto sul mercato, ma possono essere anche edizioni speciali di vini già noti oppure restyling stilistici o del packaging. Per ogni etichetta segnaliamo “il suo perché” e il prezzo medio in enoteca.

Berlucchi – ’61 Nature Extra Affinamento Franciacorta Docg 2009, 2010 e 2011

Uve › Chardonnay tra il 70 e l’80%, Pinot nero tra il 30 e il 20%

Il suo perché › Una collezione in edizione limitatissima (solo 200 esemplari) di tre millesimi iconici di quest’etichetta simbolo aziendale frutto di una sosta prolungata sui lieviti

In vigna e in cantina › Dalle tre vigne storiche di Ragnoli, Arzelle e San Carlo a Rovere. Dopo i 5 anni “canonici” di affinamento, le bottiglie sono rimaste sur lie per altri 11, 12 e 13 anni. Il degorgement è avvenuto in un’unica data, il 25 maggio 2023. Per la chiusura della bottiglia è stata prevista una graffe al centro del tappo in sughero, come si usava anticamente

Tasting notes › Perlage finissimo e persistente, al naso spiccano note di lievito, pane tostato, frutta candita e miele d’acacia. Il lungo riposo nelle storiche Cantine di Borgonato ha conferito a tutte e tre le annate un’ulteriore profondità, persistenza e complessità aromatica. Cremosità e finezza rendono la beva un’esperienza esclusiva

Prezzo del cofanetto › 250 euro

Ca’ del Bosco Selva della Tesa, Sebino Igt 2019

Uve › Chardonnay 100%

Il suo perché › Cambio di nome paradigmatico per quello che è sempre stato conosciuto come “lo Chardonnay di Ca’ del bosco”. L’obiettivo? Rafforzarne l’identità e sottolinearne l’importanza

In vigna e in cantina › Da otto vigne con viti di 35 anni in media. La vinificazione, che segue il metodo aziendale certificato, include un sistema di lavaggio e idromassaggio dei grappoli, pigiatura in assenza di ossigeno e fermentazione in piccole botti di rovere, dove il vino rimane sui propri lieviti per 9 mesi, svolgendo la malolattica. Batonnage settimanale, assemblage e minimo 3-6 mesi di bottiglia

Tasting notes › Prodotto a partire dalla metà degli anni Ottanta con la collaborazione dal celebre enologo André Tchelistcheff, è stato uno dei primi Chardonnay italiani elevato in pièces bourguignonne e da vigneti ad alta densità di impianto. Il passaggio in legno conferisce rotondità e complessità, senza togliere in croccantezza, mineralità e vivacità agrumata

Prezzo › 75 euro

Cembra Cantina di Montagna – Zymbra, Vigneti delle Dolomiti Igt 2019

Uve › Müller Thurgau, Chardonnay e Riesling renano in percentuali simili

Il suo perché › Raffinata cuvée che riunisce le tre uve bianche più identitarie della Val di Cembra, da cui il nome Zymbra: omaggio e sigillo d’identità

In vigna e in cantina › Dai vigneti più vocati situati tra i 400 e gli 800 metri su versanti terrazzati, con pendenze che raggiungono fino al 40%. Pressatura soffice, fermentazione e maturazione in serbatoi di acciaio inox; una piccola parte della massa affina in barrique di rovere francese per 24 mesi. Dopo l’assemblaggio, 18 mesi in bottiglia

Tasting notes › Un bianco che dà voce a questo territorio di montagna, dove fierezza e finezza si incontrano. Colore giallo dorato brillante, bouquet articolato di frutta esotica, erbe alpine e miele. In bocca la salinità prorompente è bilanciata da una soave morbidezza. Limited edition di 3 mila bottiglie che il tempo saprà arricchire di ulteriori sfumature

Prezzo › 28 euro

Cantine Pellegrino – Capoarso, Terre Siciliane Igt 2022

Uve › Perrone 100%

Il suo perché › Interpretazione d’autore di questa antica varietà autoctona della Sicilia occidentale, l’unica a bacca rossa originaria della provincia di Trapani

In vigna e in cantina › Da terreni profondi con matrice argillosa e ricchi di minerali a 50 metri sul livello del mare. L’aridità del suolo e il caldo estremo vengono mitigati da una ventilazione costante che permette notevoli escursioni termiche tra le ore diurne e notturne. Lunga macerazione a temperatura controllata. Affinamento di almeno 5 mesi in vasche di acciaio e barrique

Tasting notes › Rosso intenso e brillante nel calice, ha un bouquet avvolgente di viola, note balsamiche con una speziatura dolce e richiami di mandorla in sottofondo. In bocca la nota “sauvage” e la naturale rusticità del varietale sono ingentilite da una trama tannica vivace e una sapidità rinfrescante. Il nome ricorda le condizioni climatiche estreme dei luoghi da cu cui proviene

Prezzo › 13 euro

PuntoZero – Marcella, Colli Berici Doc 2022

Uve › Merlot 54%, Tai Rosso 24%, Cabernet Sauvignon 21%

Il suo perché › “Un vino aristocratico nella sua semplicità” come lo ha definito l’enologo consulente Celestino Gaspari. Testimone fedele del terroir dei Colli Berici

In vigna e in cantina › Da vigneti di 10-35 anni allevati a Guyot con una densità di 4.000 ceppi per ettaro e una resa di 60 quintali. Dopo la vendemmia manuale, le uve vengono messe a riposare 15-20 giorni per garantire una maggiore concentrazione degli zuccheri e delle sostanze aromatiche. Vinificazioni separate in acciaio, con un passaggio in barrique per il Merlot

Tasting notes › Dalle uve più rappresentative di questo territorio nasce un rosso equilibrato e persistente, che porta il nome della titolare Marcella de’ Besi. Di colore rubino con riflessi violacei, ha un profilo olfattivo avvolgente e fruttato con note di lampone, ciliegia e menta, seguite da un sottofondo gentilmente speziato. Di buona struttura, ampio e caldo, bilancia potenza e rotondità

Prezzo › 13 euro

Roberto Rondelli – Roja, Dolceacqua Superiore Doc 2022

Uve › Rossese di Dolceacqua 100%

Il suo perché › Il punto di arrivo di una lunga e appassionata ricerca sul Rossese di questo vignaiolo eroico. Roja è il toponimo della valle. Siamo in provincia di Imperia, estremo Ponente Ligure

In vigna e in cantina › Da terreni di marna azzurra (argille di Ortovero) con vigne ad alberello (9.000 ceppi per ettaro) e una resa di poco superiore al mezzo chilo per pianta. L’appezzamento si trova a Migliarina (una delle nomeranze, ovvero cru del Rossese), nel comune di Camporosso. La vinificazione avviene in piccole vasche con follature manuali. Poi affinamento in barrique di vari passaggi dove il vino riposa almeno un anno

Tasting notes › Il Rossese è un vitigno difficile da coltivare, con buccia finissima e rese incostanti. Questa versione Superiore restituisce un vino concentrato e insieme leggiadro, con una trama tannica setosa e una struttura importante, ben bilanciata da una sapidità decisa. È un vino nato per durare a lungo, ma che già oggi si svela in tutta la sua piacevolezza e intensità

Prezzo › 60-70 euro

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 19/02/2024

Leggi anche ...

Roma Doc, largo ai giovani. I casi Borgo del Cedro e Federici
In Italia
Roma Doc, largo ai giovani. I casi Borgo del Cedro e Federici

Leggi tutto

Derthona Due.Zero, il vino bianco composito, longevo e sempre più ambito
In Italia
Derthona Due.Zero, il vino bianco composito, longevo e sempre più ambito

Leggi tutto

50 di storia del vino: come sono cambiate le operazioni in cantina
In Italia
50 di storia del vino: come sono cambiate le operazioni in cantina

Leggi tutto