In Italia In Italia Anita Franzon

Nasce l’associazione Donne della Vite

Nasce l’associazione Donne della Vite

È tempo di brindare per le donne che lavorano nel mondo vitivinicolo. Nasce infatti un ‘nuovo luogo’ che ha ben poco di astratto e superficiale, dove le professioniste del settore possono incontrarsi, confrontarsi e dare voce a una visione al femminile di ciò che la vite e il vino significano, che si tratti di produzione, divulgazione delle conoscenze o creatività. «Siamo coltivatrici, ricercatrici, agronome, produttrici, enologhe, sommelier, ristoratrici, enotecarie, giornaliste. Donne le cui vite girano intorno alla vite e al vino. Siamo le Donne della Vite». È questa la carta di identità delle sette fondatrici: Valeria Fasoli, Alessandra Biondi Bartolini, Laura Passera, Giulia Tamai, Costanza Fregoni, Lorena Troccoli e Clementina Palese (in foto da sinistra a destra).

Donne-della-Vite-fondatrici

Tre parole chiave: etica, estetica e bellezza

Le sette Donne della Vite, lavoratrici e appassionate, si augurano di diventare tantissime nell’arco di breve tempo, unite dalle rispettive esperienze professionali in campo vitivinicolo e guidate da tre principi a volte dimenticati: Etica, Estetica, Bellezza. Nel riconoscimento del merito a prescindere dal genere, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità nell’ambito umano come in quello vitivinicolo, deve sempre valere un’etica affiancata a un’estetica che vada oltre il significato letterale di ‘percezione attraverso la mediazione dei sensi’, e che si vedrà concretizzata in diverse attività scientifiche e culturali. «Abbiamo diversi progetti che prenderanno presto vita: convegni, corsi, viaggi, serate a tema, arte e musica», racconta l’agronoma e neo presidente dell’associazione Donne della Vite Valeria Fasoli.

Un mondo non solo maschile

L’obiettivo delle Donne della Vite sarà dunque quello di mantenere e creare bellezza attraverso la tutela e la salvaguardia del paesaggio viticolo, nel rispetto della natura e della sostenibilità grazie alla diffusione della cultura della vite e del vino. Il tutto avrà certamente un occhio prevalentemente femminile, anche se, come spiega la presidente, «vogliamo unire le nostre energie, visioni, sensibilità e competenze non per contrapporci al mondo maschile, ma per dare maggiore visibilità al nostro valore aggiunto».

logo-donne-della-viteLe Donne del Vino e le Donne della Vite

Allo stesso modo, dato che esistono altre associazioni legate al vino e tutte al femminile, le Donne della Vite non si pongono «in antagonismo, ma a partire dal nostro nome mettiamo in evidenza il quotidiano rapporto con l’aspetto forse un po’ meno nobile e più duro del lavoro vitivinicolo, ovvero quello a contatto con la pianta e non solo con il prodotto finito. Mestiere che spesso è ancora associato a un ambito puramente maschile, tanto che può ancora capitare di subire qualche piccola discriminazione. Donne della Vite è un ‘nuovo luogo’, in cui principi e regole sono diversi, e a partire dal nostro manifesto invitiamo donne e uomini a entrare» conclude Valeria Fasoli.

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 13/01/2016

Leggi anche ...

Sangiovese di Romagna, un mosaico di diversità
In Italia
Sangiovese di Romagna, un mosaico di diversità

Leggi tutto

Gli eventi del vino di marzo
Eventi
Gli eventi del vino di marzo

Leggi tutto

Chianti Lovers & Rosso Morellino 2024, la parola ai presidenti dei Consorzi
In Italia
Chianti Lovers & Rosso Morellino 2024, la parola ai presidenti dei Consorzi

Leggi tutto