Wine business Wine business Anna Rainoldi

Nasce la super-cooperativa Emilia Wine

Nasce la super-cooperativa Emilia Wine

Oltre 700 produttori – un terzo della produzione vitivinicola di Reggio Emilia – confluiti in un’unica realtà a partire dalla vendemmia 2013. Nasce così Emilia Wine, il nuovo polo del vino emiliano, frutto della fusione di tre storiche Cantine sociali (Arceto, Prato e la Nuova di Correggio) nel segno di un’inedita alleanza fra Legacoop (cui afferisce Prato) e Confcooperative (di cui fanno parte Arceto e Correggio).

SEMPRE PIÙ COOPERAZIONE – «È una notizia di grande rilievo per il nostro territorio» hanno commentato Alberto Lasagni e Luigi Tamburini, responsabili agricoli di Confcooperative e Legacoop nella provincia. «Questa fusione è la risultante di una cultura sempre più orientata all’aggregazione, che sta cambiando il volto della realtà agroalimentare cooperativa reggiana, attraverso concentrazioni fortemente orientate al mercato che hanno investito negli ultimi dieci anni sia il comparto vitivinicolo che il lattiero-caseario».

LA RIDISTRIBUZIONE PRODUTTIVA – Tutte le strutture preesistenti saranno mantenute in attività. La produzione del Lambrusco si concentrerà ad Arceto, mentre Prato e Correggio si dedicheranno in gran parte al “rossissimo” (utilizzato per “rinforzare” naturalmente colore e grado di altri vini).

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 01/10/2013

Leggi anche ...

Si riaccende la polemica sulle etichette anti-cancro per il vino. Il punto della situazione
Senza confini
Si riaccende la polemica sulle etichette anti-cancro per il vino. Il punto della situazione

Leggi tutto

Chi è il venditore di vino oggi?
Premium
Chi è il venditore di vino oggi?

Leggi tutto

Fine wine e distribuzione in Italia: ritorno dal futuro? La ricerca Wine Monitor Nomisma per l’Istituto Grandi Marchi
Wine business
Fine wine e distribuzione in Italia: ritorno dal futuro? La ricerca Wine Monitor Nomisma per l’Istituto Grandi Marchi

Leggi tutto