Senza confini Senza confini Anita Franzon

Mobilization 2025, la Borgogna fa squadra e progetta il futuro

Mobilization 2025, la Borgogna fa squadra e progetta il futuro

Si chiama Mobilization 2025 il programma con cui l’associazione dei produttori borgognoni punta a ridefinire la propria immagine per catturare nuovi appassionati. Una reazione al periodo difficile e al calo delle quotazioni sul mercato finanziario. Ma la regione resta comunque fortissima, anche grazie alla quotazione di nuove Cantine e al successo dei grandi Domaine sul mercato online.

Secondo un recente rapporto sul mercato globale del vino, rappresentato dall’indice di riferimento Liv-ex, la Borgogna esce dal 2020 perdendo quota sul mercato finanziario. Ma i produttori della regione vitivinicola francese non devono preoccuparsi; l’interesse per le loro bottiglie è tutt’altro che diminuito e l’associazione BIVB (Bureau Interprofessionnel des Vins de Bourgogne) ha già presentato un programma a lungo termine per difendere e promuovere quest’area di grandi eccellenze fino al 2050.

Indici in calo negli ultimi due anni

Dal 2003 la Borgogna è la regione vinicola con le migliori prestazioni al mondo per quanto riguarda il commercio di vini pregiati; tuttavia, osserva Liv-ex, negli ultimi due anni ha registrato un calo del valore dell’8,8% (nel 2019) e dell’1,5% (nel 2020). Come si legge nel rapporto, questo decremento è dovuto a una combinazione di eventi sfortunati; il Covid-19, l’effetto dei dazi di importazione statunitensi e un’abbondante annata 2018, presentata sul mercato nel 2020 e accompagnata da prezzi astronomici, impossibili da confermare negli anni seguenti.

Muretti a secco suddividono i vigneti in Côte de Beaune © BIVB/www.armellephotographe.com

Nuove Cantine sul mercato

Nonostante le flessioni, i vini della Borgogna hanno continuato a rappresentare un buon investimento anche nel 2020, in un mercato che è comunque in espansione. Infatti la straordinaria performance decennale di alcune etichette, ormai divenute leggendarie, ha incoraggiato i collezionisti ad approfondire la regione in cerca di valore anche tra le Cantine meno conosciute. Così è entrato nel mercato finanziario un numero crescente di vini a prezzi inferiori e di denominazioni che di rado si erano affacciate sul mercato secondario negli anni precedenti.

I grandi volano anche grazie all’online

Nomi indiscussi come Domaine de la Romanée-Conti, Armand Rousseau e Leroy guidano ancora il commercio in base al valore. Inoltre, negli ultimi cinque anni i prezzi dei vini rossi sono generalmente aumentati del 78,6% e i bianchi del 28,9%. Nonostante la pandemia, il passaggio alle transazioni online non ha penalizzato i vini della Borgogna, che si attestano addirittura al 36% del totale degli acquisti nel 2020. L’interesse, dunque, non è calato e anche se tutta l’area dovrà affrontare nuove sfide nei prossimi anni, “per molti acquirenti il viaggio alla scoperta della Borgogna è appena iniziato”, conclude il rapporto.

Tra i vigneti del Mâconnais © BIVB/www.armellephotographe.com

Mobilization 2025, nuovi modelli di eccellenza

In questo contesto in continuo mutamento, il BIVB mette in atto  “Mobilization 2025”; un piano flessibile che permetterà alla regione francese di preservare la sua eccellente reputazione e l’identità dei suoi vini negli anni a venire. Le questioni che più interessano la Borgogna del vino sono quelle legate al clima, all’economia e al sociale. Il settore vitivinicolo borgognone è, infatti, pronto a cambiare approccio ispirandosi al paradosso de Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa: “tutto deve cambiare perché tutto resti come prima”. Afferma il BIVB: “Il piano è incentrato sulla costruzione di nuovi modelli per poter continuare a produrre grandi vini rispondendo ai problemi che oggi la società deve affrontare; dobbiamo cambiare per garantire che le cose rimangano le stesse”.

Progetto approvato e visione collettiva

A dicembre 2020 l’Assemblea generale del BIVB ha approvato il progetto “Mobilization 2025” affermando: “La mobilitazione dei professionisti del settore a fianco dell’organismo che li rappresenta è essenziale. Renderli protagonisti del progetto è fondamentale per il suo successo”. Il perno attorno a cui gira il nuovo programma è una visione collettiva e a lungo termine, perché il tempo necessario a un’intera regione vinicola per adattarsi può spesso essere misurato in decenni. Per questo motivo, nonostante il piano sia quinquennale, i professionisti della Borgogna hanno puntato gli occhi sul 2050.

Mobilization 2025, i valori da trasmettere

Sono queste le tematiche alla base degli sforzi della mobilitazione in Borgogna. “È essenziale essere consapevoli del clima che cambia”, si legge sul progetto. E il clima sta cambiando in tutti i sensi. La Borgogna ha dovuto affrontare un 2020 difficile sotto ogni punto di vista, per via di un caldo da record, scarsa disponibilità di acqua e le difficoltà economiche causate dalla pandemia. È dunque importante più che mai integrare le aree di ricerca che si occupano del cambiamento climatico con la redditività economica e i modelli finanziari e, infine, sostenere gli sforzi di marketing dei viticoltori per aiutarli a comprendere al meglio chi e come saranno i consumatori di domani. “Presto sarà avviato uno studio per esaminare la trasmissione dei valori dei vini della Borgogna e stabilire una strategia di comunicazione che parlerà agli appassionati del futuro”, comunica il BIVB.

Quattro azioni concrete

La Borgogna diventa dunque un modello da seguire e si conferma tra i leader nel settore anche per lo sviluppo di azioni integrate che serviranno a consolidare la già forte immagine di cui gode. Saranno quattro le azioni concrete: ridefinire i modelli tecnici ed economici di domani; il coinvolgimento e il sostegno degli sforzi di marketing dei viticoltori; il consolidamento del brand in relazione ai cambiamenti della società e ai consumatori; e infine, l’incremento di strumenti per supportare l’economia e la tecnica. Solo con la lungimiranza si costruisce e si mantiene il successo.

Tutte le foto: © BIVB/www.armellephotographe.com

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 10/02/2021

Leggi anche ...

Il vino (piombato) rese sordo Beethoven?
Senza confini
Il vino (piombato) rese sordo Beethoven?

Leggi tutto

Bordeaux En Primeur, il trend al ribasso dei prezzi 2023
Senza confini
Bordeaux En Primeur, il trend al ribasso dei prezzi 2023

Leggi tutto

La grandine mette a rischio la prossima vendemmia di Chablis
Senza confini
La grandine mette a rischio la prossima vendemmia di Chablis

Leggi tutto