In Italia In Italia Roger Sesto

Missione Ottavianello

Missione Ottavianello

La rinascita dell’Ottavianello si deve soprattutto all’azienda Carvinea di Carovigno, e al sodalizio fra il suo titolare Beppe Di Maria e l’enologo Riccardo Cotarella.

L’idea dei due non è però rinverdire una tradizione, ma intraprendere un percorso nuovo, anche al di là delle incerte origini del vitigno. L’obiettivo è ricostruire un vino partendo da zero. «Così l’Ottavianello diventa una sorta di missione, un atto di fede», afferma Di Maria. «Fosse nato altrove, in un territorio meno caratterizzato da uve autoctone, forse avrebbe goduto di un miglior destino».

Beppe Di Maria

Otto, Ottavianello da invecchiamento

La definitiva consacrazione del vitigno ha luogo nel 2014, con la sua prima vinificazione in purezza; per un vino – Otto, Salento Igt – dalla personalità unica, con un’interessante propensione all’invecchiamento. Rubino brillante, offre note di mandorle e nocciole, con ricordi speziati; dal sorso morbido e persistente, presenta un finale lievemente aromatico.

Per conoscere gli altri autoctoni della Puglia clicca qui.
L’articolo sui vitigni autoctoni pugliesi prosegue su Civiltà del bere 6/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 22/01/2020

Leggi anche ...

Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”
In Italia
Cinquant’anni all’insegna del “bere meno ma meglio”

Leggi tutto

I numeri del fenomeno Pinot grigio delle Venezie
In Italia
I numeri del fenomeno Pinot grigio delle Venezie

Leggi tutto

Sei Cantine per sei protagoniste. L’Alto Adige in un racconto tutto al femminile
Degustazioni
Sei Cantine per sei protagoniste. L’Alto Adige in un racconto tutto al femminile

Leggi tutto