Wine business Wine business

Mercato Italia. Voto: 5

Mercato Italia. Voto: 5

Gli ultimi dati parlano chiaro: il potere di acquisto delle famiglie italiane, tra il 2007 e il 2011, è crollato del -5% (dati dal Bes 2013 – Rapporto sul benessere equo e sostenibilie presentato alla Camera lo scorso marzo). In uno scenario del mercato interno così sofferente è difficile muoversi e per i nostri produttori vendere una bottiglia di vino in Italia sta diventando sempre più complesso. Ci siamo domandati, allora, come i nostri vitivinicoltori valutano il momento attuale e quali aspettative hanno per il 2013. E lo abbiamo chiesto, dal Nord al Sud Italia, a un gruppo eterogeneo (per dimensione) di 121 Cantine.

I FATTURATI – Tra le aziende che hanno risposto, la maggior parte, il 41%, nel 2012 ha avuto un giro d’affari contenuto in Italia, realizzando un fatturato inferiore al milione di euro. Una quota importante degli intervistati, il 35%, ha dichiarato incassi significativi compresi tra 1 e 5 milioni di euro. Man mano che il fatturato aumenta, diminuisce automaticamente il numero delle aziende; solo l’8% degli intervistati fattura tra 5 e 10 milioni di euro, l’11% realizza tra 10 e 30 milioni e il 5% oltre i 30. Ampliando il ragionamento emerge un dato importante: il 24% delle Cantine coinvolte raggiunge in Italia fatturati alti che superano i 5 milioni di euro. Quindi il vino, a fatica, tra mille difficoltà certamente, si vende.

UN VOTO AI CONSUMATORI – Ebbene, come hanno reagito i consumatori? Che voto hanno dato i produttori al nostro mercato interno nel 2012? Si sono dimostrati soddisfatti o no dell’andamento? Abbiamo chiesto di dare un voto da 0 a 10. Un bel 5, insufficiente, quindi, ma in grado di recuperare con poco sforzo, è la votazione che ha raccolto più consensi scelta dal 25% degli interpellati. Attenzione però. Il 19% degli intervistati ha dato 6, la sufficienza quindi, all’andamento del mercato e un notevole 16% del campione ha giudicato le sue vendite in Italia meritevoli di un bel 7. Sempre sul versante dei voti positivi, segnaliamo il 10% degli intervistati che ha votato 8 e il 2% che addirittura si è spinto sul 9. In negativo, invece, troviamo il 13%  la cui valutazione è 4, il 6% che ha scelto il 3 e ancora un 6% fermo sul 2. Solo il 2% ha dichiarato il disastro votando 1 e c’è anche un 1% (che si tratta di un caso isolato e come tale va interpretato) che ha dato 0. Voto medio: 5,28.

E NEL 2013? – Chiuso il 2012, apriamo il 2013. Sono passati solo pochi mesi dall’inizio dell’anno. Ebbene, cosa si aspettano i produttori? Anche in questo caso abbiamo chiesto loro di tradurre le attese in un voto che andasse da 0 a 10. Il 31% degli intervistati non ha grandi speranze e crede che il 2013 meriterà un 5. Il 21% è più fiducioso e spera nel 6, mentre il 16% punta addirittura a una piena sufficienza con un 7. C’è poi anche un 8% degli interpellati che è pronto a scommettere in un 8. Se consideriamo il 5 come un voto non del tutto negativo e sommiamo queste percentuali scopriamo che il 76% degli intervistati ha una visione abbastanza positiva del futuro. E questo dovrebbe rincuorarci e farci ben sperare. Sul fronte opposto, il 9% del panel giudica il 2013 con prospettive da 4, il 7% lo valuta da 3, l’1% di un 2 e, attenzione, il 3% da 1 e il 4% addirittura da 0. Insomma, il 7% non si fa alcuna illusione neppure per questo anno. Un elemento questo che dovrebbe destare un po’ di preoccupazione, pur considerando i piccoli numeri coinvolti. Voto medio: 5,21

Tag:

© Riproduzione riservata - 22/05/2013

Leggi anche ...

Aspettando Vinitaly 2024, agorà del wine business
Wine business
Aspettando Vinitaly 2024, agorà del wine business

Leggi tutto

Michele Bernetti racconta la scalata del Verdicchio
Wine business
Michele Bernetti racconta la scalata del Verdicchio

Leggi tutto

Vini, spiriti e aceti: le filiere Federvini generano l’1,5% del Pil
Wine business
Vini, spiriti e aceti: le filiere Federvini generano l’1,5% del Pil

Leggi tutto