Lo sprint di partenza dell’export è destinato a durare?

Lo sprint di partenza dell’export è destinato a durare?

A gennaio l’export del vino ha esordito con 465,5 milioni di euro (+21,6%). Date le condizioni critiche del fronte interno ed europeo, è meglio puntare sui Paesi extra Ue. Anche se gli Stati Uniti sono un baluardo che può ancora rivelarsi fragile.

La tempesta dei costi esplosa nell’ultimo trimestre 2021, e accelerata con lo scoppio della guerra russo-ucraina, non mostra attenuazioni convincenti. Qualche commodity agricola potrebbe manifestare parziali rientri delle speculazioni e delle quotazioni durante l’estate; la speranza di un vero giro di boa a breve delle pressioni di costo lamentate dalle aziende è però decisamente ottimistica. Nello specifico, vetro, cartone, logistica, energia restano punti critici nella filiera del vino.
L’inflazione di aprile si è attestata sul +6,2%, dopo il +1,9% medio del 2021 e il tasso addirittura in lieve deflazione (-0,2%) del 2020. E promette di rimanere sull’altopiano anche nel terzo trimestre e forse per tutto l’arco residuo dell’anno.

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 21/07/2022

Leggi anche ...

Dove vanno le aziende del vino oggi? A VinoVip Cortina l’analisi di 615 bilanci di Studio Impresa
In Evidenza
Dove vanno le aziende del vino oggi? A VinoVip Cortina l’analisi di 615 bilanci di Studio Impresa

Leggi tutto

Allegrini prima Cantina della Valpolicella su La Place de Bordeaux
Wine business
Allegrini prima Cantina della Valpolicella su La Place de Bordeaux

Leggi tutto

Thurner PR si certifica “agenzia sostenibile”
Wine business
Thurner PR si certifica “agenzia sostenibile”

Leggi tutto